Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:07 METEO:PISTOIA22°33°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
martedì 27 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tokyo2020, Biles: «Nessun infortunio, giusto dare la priorità al benessere mentale»

Attualità martedì 26 gennaio 2016 ore 15:26

Capitale della cultura, orizzonte oltre il 2017

ENRICO ROSSI SU PISTOIA CAPITALE ITALIANA DELLA CULTURA - dichiarazione

La conquista del titolo e del milione di euro in arrivo dal Mibact saranno la base per realizzare progetti di lunga durata



PISTOIA — Investimento in cultura pari al 5,2 per cento del bilancio totale, cioè più del doppio rispetto a molte altre città. Parte da questo dato il sindaco di Pistoia Samuele Bertinelli per illustrare il futuro della città nei prossimi anni. Un orizzonte che, spiega il sindaco, per ragioni legate alle politiche culturali stesse da tempo adottate, supera il 2017 e guarda al lungo periodo.

I progetti che fanno parte del dossier presentato per la candidatura, in effetti, si orientano su questa prospettiva. Il loro dna è quello della rigenerazione urbana e della riqualificazione. In particolare, al centro ci sono i 76mila metri quadri dell'antico ospedale del Ceppo, le mura urbane, i percorsi ciclopedonali, il verde nel centro storico. Ci sono poi lo sviluppo di Palazzo Fabroni, la mostra dedicata a Marino Marini e i festival: i 'Dialoghi sull'uomo', 'Leggere la città' e il 'Blues Festival'. Ci sono poi gli spettacoli dal vivo proposti dall'Associazione Teatrale Pistoiese e quelli del Funaro. 

Quello che ha convinto la giuria è la sostenibilità dei progetti presentati. "Tutte le nostre risorse arrivano dal territorio, facciamo cultura senza proclami - spiega il sindaco - fa parte del carattere pistoiese essere un po' schivi e, a volte, mostrare addirittura meno di quello che si ha: ora è l'occasione per una vera valorizzazione". 

Da questo punto di vista, il milione di euro, che arriverà a Pistoia dal Mibact in conseguenza della vittoria del titolo sarà un contributo determinante. 

"Ci siamo avvalsi, oltretutto, di un comitato scientifico composto da numeri uno delle politiche culturali come Virgilio Sieni, Carlo Sisi e Giulia Cogoli", prosegue il sindaco. 

La vicepresidente della Regione Monica Barni, che oltretutto ha delega alle politiche culturali, si è detta piacevolmente colpita dal "bellissimo dossier presentato da Pistoia che è la seconda città toscana a ottenere questo titolo, in gara oltretutto con un'altra città poco distante, Pisa: segno di un fermento che caratterizza questi tempi in cui si inizia a uscire dalla crisi". Subito dopo la comunicazione del verdetto, ieri, è intervenuto anche il presidente della Regione Enrico Rossi parlando di "un progetto convincente e condiviso di valorizzazione del patrimonio culturale locale".

Soddisfazione espressa, all'indomani della nomina, tutti i soggetti istituzionali del territorio coinvolti: Provincia, Diocesi, Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, Cassa di Risparmio di Pistoia e della Lucchesia, Camera di Commercio. 

Pistoia continuerà ora a lavorare con le altre città all'interno della Rete delle città della Cultura, che consiste in una rete nazionale di scambio di informazioni, di programmazione e di valorizzazione dei territori. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Diminuiscono nelle ultime 24 ore i nuovi casi di Covid nella provincia pistoiese. Sono dieci i territori comunali colpiti dal virus. Tutti i dettagli
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità

Attualità