Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:56 METEO:PISTOIA13°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
giovedì 02 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
«Via Rosa Chemical da Sanremo, proteggiamo i nostri bambini», l'invettiva in Aula della deputata di FdI

Attualità venerdì 06 gennaio 2017 ore 07:30

Maglia nera per l'inquinamento da polveri sottili

Dicembre nero per l'inquinamento da polveri sottili: la centralina Arpat di Montale ha superato per ben diciotto volte il limite massimo per il PM10



MONTALE — Dicembre 2015 fu caratterizzato da una vera e propria emergenza polveri in molte città italiane, ed anche in Toscana. 

Purtroppo anche a Dicembre 2016 la situazione non è migliorata, anzi, si sono registrati trenta giorni di superamenti del limite per il PM10.

La maglia nera, anzi nerissima, secondo i dati Arpat, tocca alla stazione di monitoraggio di Montale: in soli trenta giorni nel Dicembre appena passato, le concentrazioni di polveri sottili hanno superato il limite di 50 microgrammi per metro cubo (fissato sia dalla normativa europea ed italiana che dall'Organizzazione Mondiale della Sanità), per ben diciotto volte in un mese

E purtroppo questo trend sta continuando anche in questi primi giorni di Gennaio 2017, con addirittura due picchi ben oltre i 100 microgrammi per metro cubo (quindi il doppio del limite consentito) superati per due giorni consecutivi, esattamente il primo e il due Gennaio.

Le fonti principali dell'inquinamento atmosferico, ed in particolare delle polveri sottili (appunto le PM10) sono sostanzialmente due nelle nostre città: il traffico ed il riscaldamento. Influenzate a loro volta dalle condizioni climatiche: assenza di pioggia e di vento, alta pressione (la situazione anomala di questi mesi invernali) ne favoriscono la concentrazione e la persistenza.

"Fermo restando che per abbattere nel lungo periodo l'inquinamento atmosferico sono necessari interventi strutturali nel campo della mobilità e del riscaldamento - spiega Arpat - In ogni caso, in presenza di situazioni ripetute di superamenti dei limiti, quali quelle registrate nel mese di Dicembre, sono necessari anche interventi di emergenza, che, pur non essendo risolutivi, tuttavia sono rivolti ad attenuare almeno temporaneamente i livelli di inquinamento".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Drammatico il bollettino dei decessi che registra 14 morti in 6 province toscane. Stabili i pazienti in terapia intensiva, calano i ricoveri ordinari
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Edit Permay

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità