Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:52 METEO:PISTOIA20°24°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
domenica 26 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Napoli, gli operatori ecologici filmati mentre spargono rifiuti in strada: la denuncia social

Attualità venerdì 27 novembre 2015 ore 12:45

Monumento illuminato contro la pena di morte

Anche quest'anno il Comune partecipa alla giornata mondiale delle 'Città per la vita' nella cornice della Festa della Toscana



QUARRATA — La giornata è promossa dalla Comunità di Sant'Egidio e si celebrerà lunedì 30 novembre, lo stesso giorno della Festa della Toscana.

A simboleggiare la partecipazione della città e il sostegno all'appello contro la pena di morte, il monumento Il mito di Orfeo di Agenore Fabbri nella piazza coperta del Polo Tecnologico sarà illuminato da domani, sabato 28 fino al 30 novembre. 

 “Un’iniziativa simbolica per ribadire il nostro rifiuto della pena di morte e riaffermare il diritto alla vita di ogni persona - commenta il sindaco di Quarrata Marco Mazzanti - La Toscana, con il Codice Leopoldino, il 30 novembre del 1786, per prima in Europa, abolì la pena di morte. Una scelta importante, che ha segnato la nostra storia, ma che ancora non è condivisa in tutto il mondo. La pena capitale, infatti, è ancora applicata in diversi Paesi e noi vogliamo ribadire la nostra opposizione a questa pratica, aderendo all’appello della Comunità di Sant’Egidio per dire no alla pena di morte.”

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I tamponi positivi emersi nelle ultime 24 ore non mostrano particolari picchi di concentrazione ma sono diffusi tra montagna, piana e Valdinievole
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cultura

Attualità

CORONAVIRUS