Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:33 METEO:PISTOIA13°25°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
lunedì 10 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Treviso, incidente deltaplano: il video della tragedia

Attualità mercoledì 14 aprile 2021 ore 15:52

Il vivaismo vola con l'export ma il boom è lontano

vivaio

Il commercio con l'estero cresce del 5% ma i ricavi in generale non crescono a causa dell'aumento dei costi di gestione del settore fiori e piante



PISTOIA — Il vivaismo pistoiese vola con l'export in crescita del 5% nella seconda metà del 2020, ma il boom è lontano. Come si spiega? Con l'aumento dei costi di gestione e produzione a cui il settore è andato incontro negli ultimi due anni e che non sono compensati, in termini di espansione dei ricavi, dal buon andamento del commercio con l'estero che comunque certo è motivo di soddisfazione per gli operatori. I dati arrivano da Confagricoltura Pistoia.

Il responsabile provinciale e regionale di comparto della confederazione Luca Magazzini riassume la situazione attuale del Distretto vivaistico ornamentale di Pistoia, cercando di frenare l’euforia d’accordo con il presidente di Confagricoltura Pistoia Andrea Zelari: "Bisogna mantenere il giusto equilibrio fra la soddisfazione per la ripresa e per le prospettive positive che si stanno dischiudendo (forestazioni urbane e maggiore interesse per il verde) e la cautela per le numerose problematiche con cui il vivaismo pistoiese si deve confrontare", affermano.

"Un esempio recente di aumento dei costi imprevisto e legato al clima – osserva Magazzini – è quello delle gelate dei giorni scorsi che hanno danneggiato anche i vivaisti pistoiesi, dal momento che una serie di essenze in germoglio, come gli aceri, pronte a essere messe sul mercato nei prossimi giorni sono in parte morte o sono state danneggiate al punto da essere invendibili. Molte di queste rivegeteranno in seguito e saranno recuperabili, ma con aumento dei costi produttivi".

Ottimismo dunque sì, ma cauto: "Non vogliamo certamente scoraggiare i colleghi vivaisti – concludono Magazzini e Zelari – perché la ripresa c’è stata grazie al buon andamento dell’export nel 2020 e le prospettive sono buone, ma ancora non si è verificato né un boom dei ricavi né tanto meno dei guadagni, che risentiranno anche in futuro degli alti costi della riconversione produttiva verso un’ancora maggiore eco-sostenibilità".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I dati territoriali aggiornati alle ultime 24 ore dal report della Regione. Da inizio epidemia quasi 22mila casi accertati
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Cronaca

CORONAVIRUS