Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:20 METEO:PISTOIA14°27°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
sabato 21 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Maneskin al «Tonight show» e Jimmy Fallon prende il posto di Victoria (malata)

Cronaca martedì 24 novembre 2015 ore 16:12

Maxi giro di prostituzione tra le mura domestiche

Coinvolti anche alcuni pistoiesi nelle indagini della Guardia di Finanza di Prato che hanno portato al sequestro di otto immobili



PISTOIA — Tutto avveniva lontano da sguardi indiscreti, ma alla fine la verità è venuta a galla. L'hanno chiamata Piazza pulita e non è un caso. Di una vera pulizia si è trattato, visto che nell'intera operazione della Finanza di Prato sono stati eseguiti 60 decreti di perquisizione, sono state denunciate 38 persone, 8 immobili sono finiti sotto sequestro. E, per voler insistere con i numeri, 300 militari sono stati impegnati.

L'operazione, coordinata dalla Procura della Repubblica, ha portato alla scoperta all'interno degli appartamenti, di un giro di prostituzione perfettamente noto ai proprietari. Ora le indagini proseguono con gli accertamenti di polizia giudiziaria e tributaria per valutare se ci siano gli estremi per contestare i proventi, molto consistenti, dell'attività. Alcuni degli immobili, tra l'altro, sono stati affittati a prestanome. Gli appartamenti si trovano nelle zone di piazza Mercatale e via sant'Antonio a Prato.

Ad essere coinvolti sono cittadini pratesi ed extracomunitari, ma anche persone residenti nelle provincie di Firenze, Pistoia, Lucca, Arezzo, Livorno, Pisa e fuori dalla Toscana, come Milano, Monza, Bergamo, Rovigo, La Spezia, Roma e Palermo. Per tutti è scattata la denuncia per i reati di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione. Tra loro il titolare di un money transfer segnalato anche per il reato di riciclaggio, dopo aver consentito ad alcune prostitute di trasferire somme di denaro all'estero oltre i limiti previsti usando documenti di identità fasulli.

L'operazione è stata avviata nel marzo scorso su delega dei sostituti procuratori della Repubblica Antonio Sangermano e Laura Canovai dietro coordinamento del procuratore capo Giuseppe Nicolosi ed è stata eseguita dai finanzieri dopo una serie di attività preliminari: osservazione, controlli, attività tecniche di intercettazioni telefoniche e raccolta di informazioni da testimoni.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il dato, aggiornato alle ultime 24 ore, emerge dal bollettino regionale che monitora l'andamento dell'epidemia. 1522 nuovi contagi in Toscana
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca