Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:25 METEO:PISTOIA10°16°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
lunedì 25 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Otto e mezzo, Obama e Springsteen: «Noi outsider? Ci interessa dare voce agli esclusi»

Attualità martedì 08 giugno 2021 ore 14:40

Debito fuori bilancio, via libera con un astenuto

comune di pistoia

Lo squilibrio deriva da una sentenza del Tar avversa al Comune, e in consiglio comunale è stato approvato con l'astensione del M5s



PISTOIA — Il consiglio comunale ieri ha approvato il riconoscimento di un debito fuori bilancio. Il provvedimento, illustrato dall'assessore all'urbanistica Leonardo Cialdi, è passato con 23 voti favorevoli (Fratelli d'Italia, Pistoia Concreta, Forza Italia, Lega, Amo Pistoia, Gruppo Misto, Partito Democratico e Pistoia Comune) e 1 astenuto (Movimento 5 stelle).

Ma da dove deriva, quello squilibrio? "È a seguito di una sentenza del Tar che ha visto condannare il Comune di Pistoia in favore dell'erede di un cittadino al pagamento complessivo 21.746 euro - spiega Cialdi - importo così dettagliato: 14.908 per la restituzione di oneri di urbanizzazione al cittadino, 5.836 spese legali, 351 euro a titolo di interessi e 650 euro di contributo unificato della sentenza. Il cittadino ha fatto ricorso al Tar nel 2014 verso il dirigente dell'urbanistica".

L'assessore all'urbanistica ha poi ripercorso quanto accaduto: "Il cittadino aveva comprato da un costruttore una unità immobiliare che era già stata divisa in tre unità immobiliari e la cui destinazione era commerciale. In realtà per il Comune esisteva un'unica unità immobiliare a commerciale. Decidendo di vendere l'immobile, si è accorto della problematica e ha richiesto una sanatoria al Comune che prevedeva il cambio di destinazione da commerciale a uffici e il frazionamento dell'intera unità immobiliare in tre porzioni (il cittadino infatti ne aveva comprate due porzioni)". 

"Per la sanatoria - prosegue Cialdi - il Comune aveva chiesto 44.000 euro: 15.662 a titolo oneri di urbanizzazione e costo di costruzione, altri 15.562 euro a titolo di oblazione e 13.530 euro a titolo di monetizzazione per tre posti auto. Il conteggio effettuato dall'allora dirigente all'urbanistica è stato contestato dalla parte richiedente. Per esigenze di vendita, il cittadino prima ha pagato la sanatoria e poi ha presentato ricorso contro il Comune. Con la sentenza esecutiva del Tar il Comune si è visto condannato a risarcire il cittadino".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nelle ultime 24 ore non si sono verificati decessi. Il virus continua ad infettare portando a 27.334 i contagiati nel Pistoiese da inizio pandemia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità