Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:30 METEO:PISTOIA17°31°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
sabato 19 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Saviano: «De Luca non mi vuole al Festival di Ravello? Non c'è nessun problema: non vengo»

Attualità martedì 08 giugno 2021 ore 08:56

L'accoglienza su misura per il territorio

migranti

Le nuove linee guida definito dal prefetto sui migranti richiedenti asilo coniugano la solidarietà alla proporzionalità e sostenibilità sociale



PROVINCIA DI PISTOIA — Proporzionalità, diffusione e solidarietà: sono questi i principi cardine su cui si fondano le linee guida per l'accoglienza dei migranti richiedenti asilo strutturate dal prefetto di Pistoia Gerlando Iorio a misura del territorio provinciale. Il progetto ha recentemente ottenuto condivisione da parte del consiglio territoriale dell’immigrazione, istituito presso la prefettura. L'obiettivo, spiega una nota, è quello "di realizzare una distribuzione sostenibile e flessibile dei posti da destinare a tale specifica accoglienza".

Le linee guida prevedono, sulla base di criteri predeterminati che tengono conto della popolazione complessiva di ciascun comune, limiti massimi di cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale ospitabili su ciascun territorio comunale, così da favorire non solo una ripartizione ponderata delle presenze ma anche iniziative di integrazione realmente sostenibili per la popolazione residente. Anche i singoli centri di accoglienza, per corrispondere alla esigenza di integrazione, dovranno avere un numero limitato di ospiti non superiore a 20 unità.

Grazie al criterio della diffusione territoriale, i bandi per i quali è stato iniziato il procedimento per la promulgazione prevederanno un fabbisogno complessivo per tutta la provincia di posti in misura inferiore rispetto ai bandi precedenti: "Ai Comuni, in particolare, è richiesto di collaborare attivamente con le associazioni del terzo settore e le organizzazioni e i soggetti aventi finalità sociali, individuati quali aggiudicatari di gara curata dalla Prefettura - è l'indicazione - per reperire unità abitative necessarie alla copertura dei posti in funzione dei suddetti criteri di ripartizione". Gli enti locali, inoltre, potranno attivare la rete di volontari e di cittadini al fine di facilitare i percorsi di autonomia e inserimento sociale dei richiedenti asilo.

In tutto ciò la prefettura svolge il ruolo di stazione appaltante per i servizi di accoglienza sulla base delle disponibilità individuate per ogni singolo Comune. I bandi dovranno escludere i Comuni che abbiano raggiunto la copertura dei posti previsti. Le linee guida saranno applicate fin dai nuovi bandi di gara.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ecco dai bollettini ufficiali i dati sull'andamento della pandemia nel dettaglio territoriale, relativi alle ultime 24 ore. Nessun caso nel capoluogo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità