comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISTOIA
Oggi 12°22° 
Domani 12°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
giovedì 09 aprile 2020
corriere tv
Salvini in diretta su Facebook dal balcone di casa, un vicino gli urla: «Matteo, sono stro...te»

Attualità sabato 28 dicembre 2019 ore 09:50

Usl, un questionario per i pazienti

"Ci racconta la sua esperienza in ospedale?" Oltre 4mila i pazienti che hanno già aderito all'indagine dell'azienda sanitaria



PRATO — Gestione del dolore e dell'ansia, umanità e rispetto, chiarezza nelle informazioni. Sono questi alcuni degli argomenti al centro dell'indagine PREMs (Indagine di esperienza del servizio di ricovero ordinario ospedaliero) promossa dalla Regione Toscana e realizzata dall'Ausl Toscana centro in collaborazione con il Laboratorio MeS (Management e Sanità) della Scuola Sant'Anna di Pisa.

Per partecipare al questionario i pazienti lasciano il loro numero di cellulare o un indirizzo email e a 24 ore dalla dimissione ricevono un sms o una email contenente un link personalizzato per accedere e compilare il questionario online.

Fino al giorno della Vigilia sono state 4200 le adesioni al questionario arrivate da tutti i presidi ospedalieri dei territori di Firenze, Empoli, Pistoia e Prato, ma l'indagine è sempre in corso e non è campionaria: tutti i pazienti dimessi da un ricovero ordinario possono quindi essere invitati a partecipare dal personale ospedaliero.

"Il questionario - sottolinea l'Usl centro- prende in esame l'intero percorso del paziente: dall'accesso, al ricovero fino alle dimissioni. I risultati sono molto positivi e le punte di eccellenza riguardano la comunicazione e il coinvolgimento (77 per cento), il rispetto e l'umanità (78) e la professionalità e il lato umano (88)".

La dottoressa Daniela Matarrese, direttore della rete ospedaliera aziendale, commenta così i dati: "Per quanto riguarda la relazione umana che si stabilisce tra il paziente e tutti gli operatori sanitari, il lavoro di team coordinato fra i sanitari che si succedono nel percorso di cura, le informazioni ricevute al momento delle dimissioni, le risposte e i racconti narrativi analizzati sono molto positivi, ed in particolare la gran parte dei ricoverati ha dichiarato di 'sentirsi preso in cura come persona e non come paziente'. Molte informazioni interessanti sono disponibili nei commenti aperti, in cui i pazienti indicano cosa è rilevante per loro e chi e cosa ha fatto la differenza nella loro esperienza".

"Sicuramente - aggiunge Matarrese- ci sono indicazioni per lavorare ancora, ad esempio per quanto riguarda il coinvolgimento dei pazienti nella decisione delle cure e negli aspetti legati al comfort per alcuni ospedali (dalla pulizia, al rumore all'illuminazione) e quindi i servizi anche se giudicati di buona qualità dovranno essere ulteriormente migliorati".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità