Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:PISTOIA17°22°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
lunedì 24 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La gaffe di Sangiuliano: «Colombo si basò sulle teorie di Galileo Galilei» (ma non era nato)
La gaffe di Sangiuliano: «Colombo si basò sulle teorie di Galileo Galilei» (ma non era nato)

Attualità venerdì 01 settembre 2023 ore 10:35

Strage bianca, in Toscana 21 morti sul lavoro in 7 mesi

ruote tir
Il settore dei trasporti è quello col maggior numero di vittime del lavoro

All'indomani della tragedia di Brandizzo con 5 operai morti sui binari, ecco i dati sulle vittime del lavoro: 559 in Italia da Gennaio a Luglio 2023



TOSCANA — E' una strage bianca quella avvenuta in Toscana e in Italia fra Gennaio e Luglio 2023 con 21 morti sul lavoro a livello regionale e 559 nell'intero stivale: il dato arriva dall'Osservatorio sicurezza sul lavoro Vega Engineering di Mestre, in elaborazione di dati Inail, e giunge all'indomani della tragedia di Brandizzo in Piemonte dove hanno perso la vita sui binari 5 operai manutentori travolti da un treno in corsa.

La cifra fornita dall'osservatorio mestrino riguarda le morti sul lavoro nei primi 7 mesi del 2023. Pur con 21 infortuni con esito mortale sui 559 in Italia, la Toscana si colloca in fascia di rischio bianca sullo scenario nazionale, ovvero con un’incidenza infortunistica inferiore al 75% rispetto all’incidenza media nazionale. 

Quanto a numeri assoluti, a guidare la classifica del maggior numero di vittime del lavoro è la Lombardia (74) seguita da Veneto (40), Lazio (36), Campania e Piemonte (33). La Toscana in questa drammatica classifica si colloca con i suoi 21 morti nella strage bianca in ottava posizione a livello nazionale.

Trasporti e magazzinaggio, costruzioni, manifatturiero e commercio risultano i settori più colpiti, mentre la fascia d'età con la mortalità più alta risulta quella tra i 55 e i 64 anni.

L’Osservatorio mestrino elabora mensilmente la zonizzazione del rischio di morte per i lavoratori italiani, descritto dividendo lo Stivale a colori. E se in zona rossa nei primi 7 mesi del 2023 con un’incidenza superiore al 25% rispetto alla media nazionale (Im=Indice incidenza medio, pari a 18,6 morti sul lavoro ogni milione di lavoratori) ci sono Umbria, Abruzzo, Basilicata e Calabria, al polo opposto in zona bianca si trovano Toscana e Molise.

La mappa a colori del rischio morti bianche (Fonte: Osservatorio sicurezza sul lavoro Vega Engineering)

La mappa a colori del rischio morti bianche (Fonte: Osservatorio sicurezza sul lavoro Vega Engineering)

Ed ecco provincia per provincia la mappa delle morti bianche in Toscana tra Gennaio ed Luglio 2023 in ordine di incidenza:

Massa-Carrara: 2 infortuni mortali su 72.008 occupati, 31° posto tra le province italiane con incidenza sugli occupati del 27,8%

Siena: 3 infortuni mortali su 114.187 occupati, 34° posto tra le province italiane con incidenza del 26,6%

Lucca: 3 infortuni mortali su 165.136 occupati, 53° posto tra le province italiane con incidenza del 18,2%

Firenze: 7 infortuni mortali su 459.309 occupati, 61° posto tra le province italiane con incidenza del 15,2%

Arezzo: 2 infortuni mortali su 148.589 occupati, 68° posto tra le province italiane con incidenza sugli occupati del 13,5%

Pisa: 2 infortuni mortali su 181.135 occupati, 77° posto tra le province italiane con incidenza dell'11,0%

Prato: 1 infortunio mortale su 120.316 occupati, 82° posto tra le province italiane con incidenza sugli occupati dell'8,3%

Livorno: 1 infortunio mortale su 134.927 occupati, 85° posto tra le province italiane con incidenza sugli occupati del 7,4%


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno