Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:21 METEO:PISTOIA12°19°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
mercoledì 20 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Centrodestra, il vertice tra Berlusconi, Meloni e Salvini a Villa Grande

Attualità martedì 31 agosto 2021 ore 12:24

Vignaioli ostaggio di gelo, Covid e cinghiali

vigna

Non c'è pace tra i vigneti: la gelata dell'Aprile scorso ha dimezzato i raccolti, e ora i grappoli superstiti vanno protetti dagli ungulati



PISTOIA — Non c'è pace tra i vigneti del Pistoiese, coi vignaioli ostaggio di gelo e cinghiali. Se infatti la gelata della scorsa primavera ha seriamente compromesso i raccolti, ora i grappoli superstiti vanno protetti dall'assalto degli ungulati e tutto nel pieno della crisi innescata dalla pandemia da Covid-19. 

A lanciare l'allarme è Coldiretti: "Una gelata ha più che dimezzato la raccolta. Ora occorre difendere i grappoli residui dagli ungulati, che oltre a danneggiare la vigna sono voraci di acini, sempre più dolci e dissetanti", afferma l'associazione pistoiese degli agricoltori. "La tendenza all’aumento dei prezzi - prosegue - è un piccolo segnale positivo per un settore che tra emergenza Covid, gelate e ungulati sta vivendo una fase di assoluta difficoltà”.

"La vendemmia sarà una passione anche nel Pistoiese. Colpa della gelata di Aprile che ha ‘seccato’ i germogli. Un fenomeno atmosferico che ha coinvolto l’intero patrimonio viticolo pistoiese - lamenta Coldiretti - che si estende su 1.200 ettari. Malissimo i vitigni a bacca rossa (Sangiovese e Merlot), un po’ meglio per i bianchi (Trebbiano e Malvasia)".

I danni della gelata di Aprile hanno riguardato tutte le zone della provincia. Dalle colline Pistoiesi, a quelle del Montabano (versante Quarrata e versante Larciano-Lamporecchio): un fenomeno mai visto a Pistoia, con la colonnina che in piena notte ha segnato 6 gradi sottozero, spiegano gli agricoltori.

Giuseppe Bartolomei, agricoltore della rete Coldiretti-Campagna Amica, è uno dei tanti piccoli produttori pistoiesi a vivere il calvario di quest’annata. Nel suo Podere del Tordo produce vino Chianti e olio. Ecco, anche per la raccolta delle olive ha già sventolato bandiera bianca: la produzione è stata azzerata da clima sfavorevole e ‘mosca’. 

Quanto alle uve, sui suoi 5 ettari a vigneto raccoglierà meno della metà di Merlot e ancor meno di Sangiovese, rispetto all’anno passato. La raccolta inizierà entro metà Settembre. Nel frattempo Giuseppe sta cercando di difendere grappoli e vigneti dall’invasione di ungulati.

“Siamo in una fase cruciale per il nostro settore primario - spiega Gianfranco Drigo, direttore di Coldiretti Pistoia -. Da un lato i cambiamenti climatici aumentano i fenomeni atmosferici estremi, dall’altro il protrarsi dell’emergenza ungulati, che rimane tale, nonostante le recenti misure regionali che danno all’agricoltore qualche strumento in più per autotutelarsi”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Due operai sono rimasti coinvolti in un incidente sul lavoro mentre scaricavano del materiale da un automezzo in una ditta che tratta legname
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca