Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:52 METEO:PISTOIA19°25°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
domenica 26 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Quando Mirto Milani, in carcere per l'omicidio di Laura Ziliani, cantava come unico sopranista al Conservatorio

Attualità mercoledì 21 luglio 2021 ore 10:29

La storia dei vaccini in mostra alla Cattedrale

Persone in piedi davanti ai pannelli
La presentazione della mostra

Si chiama "Con cura, con amore, con rigore. Viaggio nella storia dei vaccini” l'esposizione inaugurata nell'hub vaccinale anti Covid pistoiese



PISTOIA — Terza tappa a Pistoia, nell'Hub vaccinale La Cattedrale in via Pertini, della mostra Con cura, con amore, con rigore. Viaggio nella storia dei vaccini, una cavalcata in 26 pannelli attraverso i secoli che racconta la battaglia dell'uomo contro virus e malattie, ma anche l'impegno di scienziati e medici che grazie alle loro scoperte hanno salvato migliaia di vite. Proprio come sta accadendo ora, in questa stagione di pandemia da Covid-19.

Dalle cronache di Tucidide che nel 400 avanti Cristo racconta del “male che non aggrediva mai due volte”, alla pandemia da Covid-19 che ha reso indelebile il 2020: è un racconto per immagini e parole - come “contagio”, “immunità”, “vaccinazione” - quello offerto dalla mostra itinerante che aveva preso il via da Firenze per poi toccare i principali poli vaccinali della Asl Centro tra cui appunto quello di Pistoia.

Tra documenti storici, fotografie, illustrazioni e infografiche, il percorso espositivo spiega nel dettaglio come la medicina abbia affrontato il tema delle epidemie, dai dottori della peste con le loro inconfondibili maschere a becco d'uccello, antesignane delle nostre mascherine chirurgiche, alle varie tipologie di vaccini che abbiamo a nostra disposizione. Si scopre allora che i passaporti vaccinali di cui si discute oggi, erano previsti già nel Settecento e si chiamavano "Fede di sanità”. E che il primo “lazzaretto”, cioè il luogo in cui venivano isolati i malati per evitare il diffondersi del contagio, fu costruito a Venezia nel 1423.

Si scopre anche che, dal vaiolo all'influenza, il tema dei vaccini ha sempre scatenato reazioni opposte. Elisa Bonaparte, nel 1800, fu una grande sostenitrice del vaccino. Elvis Presley, negli Anni Cinquanta, fu uno dei testimonial della campagna antipolio. Mentre tra i No-Vax troviamo l'antroposofo Rudolf Steiner.

La mostra è stata presentata ieri nel principale centro pistoiese di somministrazioni vaccinali. Erano presenti, tra gli altri, Gerlando Iorio prefetto di Pistoia, il dottor Giancarlo Landini presidente Fondazione Santa Maria Nuova, Anna Maria Celesti presidente della Società della Salute pistoiese, Daniele Mannelli che della Sds è direttore, Monica Chiti direttore infermieri area pistoiese, Silvia Mantero direttore Valutazione bisogni e identificazione risposte di continuità assistenziale e Lidia Marino Merlo igiene pubblica Pistoia.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I tamponi positivi emersi nelle ultime 24 ore non mostrano particolari picchi di concentrazione ma sono diffusi tra montagna, piana e Valdinievole
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cultura

Attualità

CORONAVIRUS