Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:20 METEO:PISTOIA9°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
giovedì 20 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Mandello del Lario, asini nel tunnel: la manovra per evitarli

Attualità lunedì 07 dicembre 2015 ore 11:34

Scure sui patronati, si accende la protesta

Cgil, Cisl e Uil di Pistoia tornano a contestare i tagli previsti alle risorse e annunciano un presidio sotto la sede dell'Inps



PISTOIA — Il problema sono le misure previste dalla legge di stabilità che, spiegano i sindacati in una nota unitaria, prevedono "una riduzione pesantissima delle risorse che finanziano l'attività dei patronati, il cui lavoro concorre oggi in misura rilevante a integrare l'attività degli enti previdenziali e assistenziali e a migliorare qualitativamente i servizi ai cittadini".

Ora Cgil, Cisl e Uil annunciato il presidio sotto la sede dell'Inps di Pistoia il 9 dicembre alle 10.

"Le scelte del Governo - prosegue la nota - se attuate, faranno saltare il “Sistema Patronati”. Sistema che assiste gratuitamente tutti i cittadini, lavoratori, dipendenti e autonomi, pensionati iscritti e non iscritti al sindacato, nel fare valere i propri diritti previdenziali, socio-assistenziali, giudiziari, medico-legali, danni alla persona e alla salute".

"Abbiamo supportato, molte volte sostituito, in questi ultimi anni gli enti Previdenziali (INPS) ed il ministero degli Interni che hanno esternalizzato ai Patronati molti servizi che prima svolgevano in proprio. Ricordiamo che a causa della spending review l'INPS ha progressivamente ridotto il personale e chiuso una serie di sportelli al pubblico. Se questi tagli saranno confermati i nostri Patronati non saranno più in grado di svolgere questi servizi ed il cittadino, il lavoratore, il pensionato saranno costretti a rivolgersi ad intermediari a pagamento".

Sul territorio, spiegano i sindacati, ci sono stati anche incontri con i parlamentari Edoardo Fanucci e Caterina Bini a cui "abbiamo illustrato le ricadute che si avranno sui cittadini, soprattutto i più deboli, se il governo, il parlamento non modificheranno il testo di legge". 

Da qui, la scelta di organizzare il presidio.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Mentre la circolazione del virus continua a interessare tutto il territorio provinciale, così non si ferma la scia di decessi. Ecco gli aggiornamenti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Ciro Vestita

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità