Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:00 METEO:PISTOIA13°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
domenica 11 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Principe Filippo, colpi a salve di cannone in tutto il Regno Unito

Attualità domenica 14 febbraio 2021 ore 11:38

Dopo il Coronavirus un percorso riabilitativo

infermieri covid

Negli ospedali del capoluogo e della Valdinievole operano in continuità i sanitari che seguono i pazienti nel recupero dai postumi della malattia



PISTOIA / PESCIA — Dopo il Coronavirus. Il Covid-19 lascia l'impronta sui pazienti anche ben oltre la loro negativizzazione. La guarigione è oltre, e per arrivarci all'ospedale San Jacopo di Pistoia e al Santi Cosma e Damiano di Pescia ci sono i team che si occupano del percorso riabilitativo, valutando gli esiti disabilitanti lasciati dal virus. 

"E’ emerso da subito - spiega una nota della Asl Centro - che superata la fase acuta, per molti pazienti le necessità riabilitative erano importanti e di varia natura, legate al quadro clinico di malattia, alle complicanze emerse durante il ricovero, al periodo prolungato di allettamento piuttosto che a sequele neurologiche e respiratorie anche importanti, ortopediche, nutrizionali e quant’altro, non per ultimo all’isolamento sociale obbligatorio che spesso ha inciso negativamente su deficit motori e cognitivi, e sull’evoluzione di patologie disabilitanti preesistenti".

L'équipe riabilitativa del presidio ospedaliero di Pescia - che ha un'esperienza decennale in riabilitazione respiratoria, diretta dalla dottoressa Martina Boni e composta da medici Fisiatri e Infermieri, oltre che da Fisioterapisti Respiratori coordinati dalla dottoressa Sara Lange, che hanno formazione specifica in ambito di problematiche respiratorie acute e croniche di pertinenza riabilitativa - ha dato vita al percorso riabilitativo negli presidi di Pistoia e Pescia.

Dei primi 92 pazienti valutati a circa 50 giorni dalla dimissione, 1 su 4 ha necessitato di un percorso di riabilitazione specifico. Ad oggi sono stati valutati in totale 162 pazienti e proprio in questi giorni il percorso multidisciplinare è stato attivato anche per dimessi dall’ospedale di Pescia.

Dei 106 ricoverati dell'area medica diretta dalla dottoressa Grazia Panigada, 19 sono già stati valutati dal fisiatra e 6 indirizzati al percorso riabilitativo, richiamati dalla struttura complessa di Pneumologia diretta dal dottor Franco Vannucci per completare il percorso multidisciplinare sempre all'ospedale di Pescia. Il percorso di integra indagini strumentali radiodiagnostiche, ove necessarie, grazie alla partecipazione anche della radiologia diretta dal dottor Adriano Viviani.

"Sul territorio Pistoiese in particolare - spiega la dottoressa Boni - abbiamo collaborato alla nascita dell’ambulatorio multidiscipilinare dell’ospedale San Jacopo, per i pazienti dimessi da percorso Covid, elaborando un protocollo specifico di valutazione in collaborazione con i fisioterapisti respiratori che lavorano con il team del Day Service Riabilitativo dell’Ospedale di Pescia. Mentre all'ospedale di Pescia dove da molti anni come Fisiatria ci occupiamo di riabilitazione sia in regime di ricovero che ambulatoriale abbiamo dedicato una parte dell’équipe specificatamente alla riabilitazione respiratoria che svolgiamo presso il Day Service Riabilitativo dell’Ospedale: è qui che abbiamo fatto accedere le persone valutate al San Jacopo".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Coronavirus, non si arresta la scia delle vittime in provincia di Pistoia. 105 nuove positività accertate nelle ultime 24 ore
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca