Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:20 METEO:PISTOIA22°32°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
lunedì 26 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Zanni e il bronzo: «Dedico la medaglia a mio nonno, era con me in gara»

Attualità mercoledì 24 marzo 2021 ore 12:33

"Rivedere i tetti del Decreto Sostegni"

industria

E' la principale richiesta di correttivi avanzata dagli industriali di Confindustria Toscana Nord che apprezzano il superamento dei codici Ateco



PISTOIA / LUCCA / PRATO — Bene il superamento della logica dei codici Ateco, ma il Decreto Sostegni non è sufficiente e vanno per lo meno rivisti i tetti di accesso alle misure: è in buona sostanza questo il messaggio che parte dagli industriali di Confindustria Toscana Nord - l'associazione di categoria per le province di Pistoia, Lucca e Prato - sui provvedimenti assunti dal governo Draghi in materia di aiuti alle imprese.

"Aver abbandonato la logica dei codici Ateco è un passo importante ma non decisivo - commenta il presidente di Confindustria Toscana Nord Giulio Grossi -. Il tetto per l'individuazione delle aziende da sostenere a soli 10 milioni di fatturato esclude molte imprese di dimensione ancora definibile come piccola". Secondo Grossi: "Occorre che si pensi anche ad aziende con fatturati maggiori, che non per questo possono sostenere contrazioni del loro giro di affari pesanti come quelli imposti a molte di esse dalla pandemia. Peraltro per le imprese fra i 5 e i 10 milioni di fatturato il contributo si limiterà al 20% del calo medio mensile del 2020 rispetto all'anno precedente". Insomma: "Le risorse, già scarse, rischiano di essere anche mal distribuite".

Focus su Prato, poi, da parte del vicepresidente Francesco Marini: "Prato rischia penalizzazioni gravi dall'impostazione del Decreto Sostegni. Molte imprese industriali potrebbero rimanerne escluse perché superano, magari di pochissimo, i 10 milioni di fatturato, oppure perché sfiorano soltanto, senza raggiungerlo, il 30% di calo di fatturato. Una quota, quest'ultima, probabilmente pensata per attività non strutturate, diverse da quelle industriali: molti comparti del manifatturiero hanno costi fissi elevati che non possono reggere contrazioni dell'attività anche ben inferiori a quelle sottese al Decreto Sostegni. Il punto debole sta proprio qui: nei costi fissi, che non trovano alcun ristoro nel meccanismo introdotto con il nuovo decreto e che consiglierebbero il ricorso, per valutare l'accesso o meno ai sostegni, non al parametro del fatturato ma a quello delle perdite. Bisogna che per i futuri interventi che ci sia un ripensamento e, nel frattempo, che le maglie si allarghino per estendere i sostegni anche oltre i 10 milioni di fatturato".

"Innegabile la portata del decreto, che ha importi pari a quelli di una manovra nazionale di bilancio - afferma il vicepresidente Daniele Matteini -. E' condivisibile la logica emergenziale. Tuttavia le risorse, come lo stesso presidente Draghi è parso implicitamente ammettere, non sono sufficienti". 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il decesso registrato nelle ultime 24 ore porta a 633 il totale provinciale di morti riconducibili al virus dall'inizio della pandemia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità