Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:00 METEO:PISTOIA10°20°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
sabato 16 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Putin scocciato con la reporter Usa: «Lei è una bella donna ma non ascolta»

Attualità martedì 28 settembre 2021 ore 15:14

Un salto indietro per un tuffo nel Medioevo

persone in costume medievale
Ad animare la città ci saranno centinaia di figuranti

Si avvicina la terza edizione del Festival dei luoghi medievali con cui il cuore della città si trasformerà in un villaggio d'altri tempi



PISTOIA — Il cuore della città trasformato in villaggio medievale e percorso da gruppi storici per un tuffo indietro nel tempo e due giornate di rievocazioni: è il fine settimana del Festival dei luoghi medievali che torna a Pistoia a partire da sabato per la sua terza edizione. Ideato e coordinato dall’associazione Musike’, prosegue con Pistoia Medioevo e Rinascimento, organizzato dalla Compagnia dell’Orso. Entrambi vedono in compartecipazione il Comune di Pistoia.

Quest’anno il Festival - che ha ottenuto il patrocinio dell'Ente nazionale italiano per il turismo (Enit) - porta a compimento la firma di un protocollo d'intesa fra 16 Comuni italiani rappresentativi di 7 Regioni. Oltre a Pistoia ci sono Serravalle Pistoiese, Pescia, Prato, Calenzano, Fucecchio, Monteriggioni, Volterra, Anagni, Viterbo, Narni, Fermo, Gradara, Incisa Scapaccino, Cairo Montenotte, Ariano Irpino. 

L’obiettivo perseguito negli ultimi due anni è, infatti, quello di condividere strategie di sviluppo comuni e un calendario di eventi inerente festeggiamenti e rievocazioni storiche medievali. Una rete di amministrazioni destinata a crescere nel tempo, quindi, per offrire ai turisti sempre maggiori opportunità di scelta per assistere a eventi e manifestazioni.

Si parte sabato 2 Ottobre alle 15 nella sala Maggiore del Palazzo comunale con una cerimonia di benvenuto delle autorità cittadine e la firma del protocollo d’intesa da parte dei sindaci presenti. A seguire, verrà condiviso il progetto di rete tra i Comuni e avrà luogo un workshop sul turismo medievale con interventi, tra gli altri, di Don Luca Carlesi e di Giovanna Frosini, docente di Storia della lingua italiana all’Università per stranieri di Siena, rispettivamente sul culto Jacopeo e sulla cucina medievale.

La presentazione della manifestazione

La presentazione della manifestazione

Dalle 16,30 alle 19, 30 di domenica sera, poi, piazza del Duomo si trasformerà in un villaggio medievale con giochi, accampamenti e spettacoli rievocativi. Un evento unico che ospiterà al suo interno circa 30 gruppi storici provenienti da tutta Italia, mentre i bar presenti nella piazza centrale diverranno taverne, con personale vestito in abiti d’epoca. 

Per due giorni grandi e piccini potranno prendere parte a laboratori di pittura e araldica su scudi, prove di tiro con l’arco, addestramento con la spada e armi in asta, e molto altro. L’arredo a verde sarà curato dalla Fondazione Giorgio Tesi Group. Organizzato dalla Compagnia dell’Orso, con il patrocinio della Regione Toscana e la partecipazione del Comitato cittadino e dei Rioni, Pistoia Medioevo e Rinascimento ospiterà circa 200 figuranti nella prima giornata, numero che raddoppierà la domenica. 

I manifesti della manifestazione

I manifesti della manifestazione

Accampamenti medievali, artigiani e mercati faranno da cornice alle esibizioni dei gruppi storici provenienti da tutta la Toscana con sbandieratori, musici, arcieri, balestrieri, uomini d’armi, giullari, cantastorie, giochi, danze, rievocazioni e molto altro. Nella giornata di sabato, alle 20, di fronte al Battistero di San Giovanni in corte sarà allestito un banchetto medievale, organizzato in collaborazione con i ristoratori di piazza del Duomo.

Domenica in città giungeranno i gruppi storici di Firenze, Arezzo e Volterra, che si uniranno a quelli già presenti dal giorno precedente. Nel pomeriggio, alle 16, nell'atrio del tribunale si terrà un processo medievale. Esibizioni di sbandieratori, musici, schermidori storici sono previste lungo le vie del centro, per poi confluire in piazza del Duomo da ingressi differenziati. Alle 19,30 è fissata la chiusura della manifestazione con salve di archibugi.

L'ingresso in piazza del Duomo sarà libero, ma contingentato come previsto dalle misure anti Covid-19. I quattro ingressi in piazza saranno presidiati dai Rioni cittadini. E soddisfazione è espressa dall'assessore al turismo Alessandro Sabella: "Siamo arrivati alla firma di un protocollo d'intesa che è frutto di un lavoro mai interrotto, nonostante il periodo di lockdown, che ha visto Pistoia capofila, ma anche l'interesse e la collaborazione di molti altri Comuni italiani. Quelli che saranno presenti sabato alla firma hanno già deliberato l'ingresso nella rete, molti altri sono in procinto di farlo, al fine di condividere a livello nazionale una programmazione organica di eventi rievocativi storici". 

"Ciò permetterà ai turisti italiani e stranieri - spiega - di visitare i luoghi medievali italiani nel periodo dell'anno nel quale è prevista la rievocazione che interessa. Ad accompagnare la stipula di questo accordo di carattere nazionale sarà Pistoia Medioevo e Rinascimento. Un ringraziamento particolare alla Compagnia dell'Orso che ha organizzato l'evento che vede coinvolti oltre trenta gruppi italiani di rievocazione storica che animeranno il fine settimana nella cornice naturale di piazza del Duomo".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A notarlo raggomitolato accanto al mezzo sono stati i carabinieri, poi al controllo è saltato fuori mezzo chilo di cocaina. L'uomo è stato arrestato
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Don Andrea Pio Cristiani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

CORONAVIRUS