Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:30 METEO:PISTOIA17°31°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
sabato 19 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Saviano: «De Luca non mi vuole al Festival di Ravello? Non c'è nessun problema: non vengo»

Attualità mercoledì 28 aprile 2021 ore 09:45

"Pazienti giorni in barella al pronto soccorso"

L'ospedale di Pistoia

Torna alla carica il sindacato degli infermieri Nursind sul reparto di emergenza urgenza dell'ospedale San Jacopo: "Manca distanziamento anti Covid"



PISTOIA — "La Asl non può smentire i fatti emersi: il sostare dei pazienti per più giorni all'interno del pronto soccorso, lo stazionare di questi su barelle per giorni e giorni, l'impossibilità di garantire loro il corretto distanziamento a causa degli spazi ridotti”. Torna alla carica il sindacato degli infermieri Nursind circa la situazione nel pronto soccorso dell'ospedale San Jacopo di Pistoia. Tre settimane fa i rappresentanti degli infermieri avevano segnalato l'affollamento di pazienti senza il distanziamento di sicurezza anti Covid-19, e la vicenda è anche finita in parlamento con un'interrogazione della senatrice Barbara Masini (Fi). Dalla direzione del presidio era arrivata a stretto giro la replica secondo cui: "Non ci risultano attese così lunghe".

E ora? E ora il Nursind riparte all'attacco: “Rimandiamo al mittente le accuse di strumentalizzazione di una situazione di emergenza: come sindacato continuiamo a ritenere doveroso dare voce a chi combatte ogni giorno in prima linea non solo contro la pandemia, ma contro la disorganizzazione del sistema sanitario”. E ancora: “Di fronte a denunce comprovate e documentate – sottolinea la segretaria provinciale di Nursind Rosa Scelta – l’Asl Toscana Centro accusa Nursind di strumentalizzare le situazioni critiche, ma non può smentire i fatti emersi: il sostare dei pazienti per più giorni all'interno del pronto soccorso, lo stazionare di questi su barelle per giorni e giorni, l'impossibilità di garantire loro il corretto distanziamento a causa degli spazi ridotti”.

“Gli operatori sanitari, in qualità di pubblici ufficiali secondo il criterio funzionale per l'attività svolta, rivolgendosi a Nursind hanno potuto dare visibilità inoltre al proprio disagio, alla propria stanchezza, a cui si aggiungono senso d'impotenza e scoramento che quotidianamente provano. Oltre che a combattere ‘quotidianamente la guerra’ di cui scrive anche l'Azienda, infatti, gli operatori devono combattere, fisicamente e psicologicamente, contro la disorganizzazione e la confusione pericolosa di percorsi assistenziali elaborati mesi addietro e mai più rivisti né tantomeno adattati alla diffusione delle varianti; disorganizzazione e confusione che partono da un Pronto Soccorso ma che a cascata si riversano poi nei vari reparti e territori”, fa notare Scelta.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ecco dai bollettini ufficiali i dati sull'andamento della pandemia nel dettaglio territoriale, relativi alle ultime 24 ore. Nessun caso nel capoluogo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità