Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:10 METEO:PISTOIA19°33°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
giovedì 24 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Ddl Zan-Vaticano, Draghi: «Questo è uno Stato laico, non uno Stato confessionale»

Attualità martedì 06 aprile 2021 ore 14:00

"Pronto soccorso affollato, rischio focolai Covid"

Impossibile il distanziamento negli spazi del pronto soccorso del San Jacopo, pazienti in barella per giorni anche anziani. La denuncia di Nursid



PISTOIA — "Pazienti in barella in spazi angusti, dove è impossibile il distanziamento anche nel caso in cui alcuni risultino positivi al Covid, con un'attesa media di 40 ore per l'accesso al reparto: come infermieri ci vergogniamo di lavorare in queste condizioni" è quanto denunciato in una nota dal Nursind, sindacato autonomo degli infermieri in merito alla situazione del Pronto Soccorso dell'ospedale San Jacopo di Pistoia.

''Solo venerdì scorso, 2 aprile - sottolinea Nursid - alle ore 13 c'erano 40 persone in attesa su barelle. Abbiamo visto pazienti di 90 anni rimanere su una barella per tre giorni. Ci sono pazienti che hanno avuto referto del tampone negativo ma vengono trattenuti in area Covid insieme a persone risultate positive, perché è impossibile spostarli in Pronto Soccorso per mancanza di posti. Il rischio focolai è altissimo all'interno dell'ospedale''. 

''Come abbiamo segnalato più volte, lo spazio è talmente ridotto - prosegue il segretario territoriale di Nursind Pistoia - che anche quando vengono riscontrati risultati positivi dei tamponi, in Pronto Soccorso non si riescono a distanziare i positivi da coloro che sono ancora in attesa del risultato''. 

''Otto mesi fa, in occasione del sopralluogo del Servizio di Prevenzione e Protezione - fa notare Scelta - erano stati stabiliti percorsi e postazioni al fine di assicurare il distanziamento sanitario, ma nell'ultima settimana la situazione è precipitata: sono aumentati gli accessi in Pronto Soccorso e i percorsi e le postazioni in sicurezza non possono essere più garantiti''. 

''Nelle ultime settimane sono stati isolati focolai in alcuni setting e reparti, rendendo necessario la chiusura dei reparti. Per la sanificazione completa di un reparto può essere necessaria una settimana, il che comporta un'ulteriore riduzione di posti letto. Non solo - denuncia Nursind Pistoia - si nota che il comune denominatore di questi focolai è che i pazienti ricoverati e risultati positivi dopo una settimana di ricovero hanno sostato molte ore o anche alcuni giorni in Pronto Soccorso, nelle aree appena descritte come a forte rischio contagio''.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Numericamente bassi ma ci sono nuovi positivi sul territorio provinciale, dove non si registrano vittime nelle ultime 24 ore. Ecco i dati in dettaglio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità