Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:56 METEO:PISTOIA14°27°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
sabato 21 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Auto su asilo a l'Aquila, i funerali di Tommaso: un lungo applauso e palloncini bianchi e azzurri

Politica lunedì 17 gennaio 2022 ore 18:05

Amministrative, no dei progressisti alle primarie

elezioni comunali

Il raggruppamento delle forze progressiste ed ecologiste mette a fuoco il programma per le elezioni comunali e al Pd dice: "Confrontiamoci"



PISTOIA — No alle primarie "che non risolverebbero i problemi della coalizione" e invito al Pd "a confrontarsi sul programma e su candidature unitarie e unificanti": è in buona sostanza quanto emerso stamani da parte del raggruppamento delle forze progressiste ed ecologiste, composto da Movimento 5 Stelle, Possibile, Sinistra Civica Ecologista (con il sostegno di Articolo Uno e Sinistra Italiana), Verdi – Europa Verde nel presentare la piattaforma programmatica in vista delle elezioni amministrative di quest'anno a Pistoia.

In una conferenza stampa Nicola Maglione (capogruppo M5s in consiglio comunale), Mattia Nesti (coordinatore di Sce) e Edoardo Ottaviano (Possibile) hanno spiegato la posizione della compagine anche a nome di Fabrizio Geri (Verde-Europa Verde) trattenuto da altro impegno. Il documento di programma ambisce ad aggregare una coalizione comprensiva di Pd, socialisti e lista civica Pistoia città di tutti.

Le aperture da parte del Pd sono state apprezzate, ma: "Continuiamo a essere preoccupati dall’attendismo di queste settimane, dopo il confronto iniziato a Dicembre. Abbiamo promosso l’immediata riconvocazione del tavolo di confronto per una condivisione adeguata sia dei rispettivi documenti programmatici che dei criteri che dovranno portare all’individuazione di possibili candidature a sindaco che siano condivise e unificanti”.

Di primarie per loro non se ne parla proprio: “Ribadiamo la nostra contrarietà", scrivono in una nota. "Sarebbero un errore, che finirebbe per dividere e disilludere proprio il nostro popolo", aggiungono. “Quello che chiediamo al Pd è di anteporre la città ai diktat di partito. È possibile fare bene e presto, con un confronto vero e offrendo ai pistoiesi un progetto credibile e una coalizione progressista unita, compatta, determinata a governare il Comune".

Nomi? Sì: i progressisti ne hanno in mente. "Certo, anche noi stiamo ragionando su profili e nomi di candidati o candidate da proporre, non di partito ma che possano rappresentare tutto il mondo progressista. Ma vorremmo capire se il Pd è disponibile a fare questo ragionamento insieme, sgombrando il campo da altre forzature".

Le linee programmatiche sono articolate anziché no. Dieci le pagine che le raccolgono e che saranno oggetto di un primo confronto pubblico il primo Febbraio con organizzazioni e associazioni del territorio. Alcuni tra i temi: "La Pistoia del futuro, l’impegno per il lavoro, per garantire salute e assistenza ai cittadini, per la centralità dei servizi educativi e dei servizi pubblici, anche nell’ambito della gestione dei servizi idrici e di raccolta dei rifiuti, e per una Pistoia più digitale, accessibile e moderna".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il dato, aggiornato alle ultime 24 ore, emerge dal bollettino regionale che monitora l'andamento dell'epidemia. 1522 nuovi contagi in Toscana
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità