Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:PISTOIA16°22°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
lunedì 24 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La gaffe di Sangiuliano: «Colombo si basò sulle teorie di Galileo Galilei» (ma non era nato)
La gaffe di Sangiuliano: «Colombo si basò sulle teorie di Galileo Galilei» (ma non era nato)

Attualità lunedì 05 giugno 2023 ore 10:16

Un quarto dei toscani teme la perdita di biodiversità

ape e fiore

Fra le regioni italiane la Toscana è sesta per grado di preoccupazione rispetto a questo profilo ambientale. In testa c'è la Sardegna



TOSCANA — Un quarto dei toscani, per la precisione il 25,2%, teme la perdita di biodiversità sul territorio regionale: il dato rappresenta l'indicatore di preoccupazione elaborato per il rapporto Bes 2022 e arriva con uno studio effettuato dalla Fondazione Openpolis su base dati Istat.

Il territorio in cui ci sono più persone preoccupate per la perdita di specie animali e vegetali è la Sardegna (28,6%) a cui seguono Lombardia (25,8%), Lazio e Friuli-Venezia Giulia (25,7%), Piemonte (25,4%) e quindi la Toscana

Sono invece due le aree che scendono sotto il 20%: Basilicata (19,5%) e Puglia (18,3%). Il tutto a fronte di una media nazionale del 23,9%.

Il grado di preoccupazione nelle regioni

Il grado di preoccupazione nelle regioni (Fonte: Openpolis)

"La fascia dei più giovani - spiegano gli esperti Openpolis - è quella che sente maggiormente il problema. Il gruppo demografico che ritiene il problema più importante è quello compreso tra i 14 e i 19 anni: il 32,2% di loro si dichiara allarmato, un dato che va scendendo all’avanzare dell’età fino a raggiungere il 16,6% delle persone con 75 e più anni di età. Si tratta di un dato che varia anche di regione in regione".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno