Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:PISTOIA16°22°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
lunedì 24 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
La gaffe di Sangiuliano: «Colombo si basò sulle teorie di Galileo Galilei» (ma non era nato)
La gaffe di Sangiuliano: «Colombo si basò sulle teorie di Galileo Galilei» (ma non era nato)

Lavoro mercoledì 03 maggio 2023 ore 19:00

In cinque anni 193mila toscani in pensione

anziani al computer

Il sistema produttivo aprirà a oltre 265mila lavoratori per sostituire chi lascia il posto per limiti di età e per coprire nuove posizioni



TOSCANA — Sono 193.100 i toscani che fra il 2023 e il 2027 andranno in pensione, aprendo nel mercato del lavoro toscano un fabbisogno occupazionale a cui si aggiungeranno nuovi profili legati alla crescita economica prevista in quel quinquennio. Secondo la stima dell’ufficio studi della Cgia di Mestre - che ha elaborato i dati del Sistema informativo Excelsior di Unioncamere e Anpal sia a livello nazionale che regionale - nei prossimi cinque anni il sistema economico produttivo regionale richiederà 265.100 nuovi addetti, il 72,8% dei quali proprio in sostituzione dei futuri pensionati.

In Italia secondo la legislazione vigente si prepara ad andare in pensione nei prossimi 5 anni poco meno del 12% dei lavoratori, per un valore assoluto di circa 2,7 milioni di occupati in gran parte nel settore privato.

Lungo lo Stivale l’esodo interesserà maggiormente Basilicata, Liguria, Abruzzo, Piemonte, Molise e Veneto.

pensionati per regione tabella

Il fabbisogno occupazionale futuro per regione

La domanda di lavoro che si aprirà riguarderà specialmente i settori del commercio e del turismo, i servizi e il sistema salute.

futuri pensionati per settore tabella

Il fabbisogno occupazionale futuro per settore

Ma per la parte datoriale il quadro del fabbisogno occupazionale di prospettiva cozza con i timori di non riuscire a reperire il personale da reclutare. Nello scenario un ruolo importante è giocato dal progressivo invecchiamento della popolazione e dalla denatalità che in Toscana galoppa a livelli record.

"Il progressivo invecchiamento della popolazione sta provocando un grosso problema al mondo produttivo. Da tempo, ormai, gli imprenditori denunciano la difficoltà di trovare sul mercato del lavoro personale altamente qualificato e/o figure professionali di basso profilo. Se per i primi le difficoltà di reperimento sono strutturali a causa del disallineamento che in alcune aree del Paese si è creato tra la scuola e il mondo del lavoro, per le seconde, invece - è l'analisi contenuta nel report della Cgia di Mestre - sono opportunità di lavoro che spesso i nostri giovani, peraltro sempre meno numerosi, rifiutano di occupare e solo in parte vengono 'coperti' dagli stranieri. Una situazione che nei prossimi anni è destinata a peggiorare".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno