comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:44 METEO:PISTOIA6°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
domenica 17 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'usura al tempo del Covid: così le mafie stanno soffocando l'economia | Roberto Saviano

Cronaca martedì 12 gennaio 2021 ore 18:25

Il branco di cinghiali terrore della periferia

Foto di repertorio
Foto di repertorio

Intervento della polizia provinciale che ha catturato sei ungulati che da tempo invadevano i campi e i vivai a pochi metri dalle abitazioni



PISTOIA — La polizia provinciale di Pistoia ha catturato 6 cinghiali nei pressi di Barile, nella prima periferia di Pistoia. Un grosso branco, infatti, da diverso tempo invade frequentemente i campi incolti vicini alla Strada Regionale Lucchese effettuando sconfinamenti in alcuni vivai ed attività agricole limitrofe.

I cittadini residenti in zona, preoccupati per la presenza dei selvatici nei pressi delle loro abitazioni, che si trovano a circa 120 metri dalla strada regionale, avevano segnalato il potenziale pericolo alle autorità nel mese di dicembre facendo scattare l’intervento della polizia provinciale.

Gli agenti, dopo aver accertato la presenza del gruppo di animali e dopo alcuni sopralluoghi, hanno posizionato una trappola, costituita da una robusta gabbia di rete metallica, munita di un congegno di chiusura a scatto, azionato dai cinghiali stessi. Gli animali catturati vivi, tutti di circa 25-30 chili di peso, sono stati successivamente consegnati ad una azienda autorizzata.

Si tratta di un tipo di intervento che sta diventando via via più frequente; le 5 gabbie a disposizione della Polizia Provinciale (fornite dalla Regione Toscana e dall’Ambito Territoriale di Caccia Pistoia 11), sono praticamente quasi sempre tutte attive, alternandosi nelle varie zone del territorio provinciale dove se ne presenta la necessità, a tutela dei centri abitati e delle zone coltivate, ove i cinghiali, spesso favoriti dalla presenza anche di terreni incolti e abbandonati, trovano un sicuro rifugio fra rovi e cespugli.

La polizia provinciale ha ricordato che, secondo la normativa vigente (legge regionale 70 del 25 novembre 2019), è il sindaco che deve richiedere alla Regione l’attivazione degli interventi di contenimento quando c'è un potenziale pericolo per la pubblica incolumità o per la sicurezza della circolazione stradale. In questi casi la Regione autorizza la Polizia Provinciale ad attuare gli interventi richiesti dal Sindaco.

Diverso è il caso in cui gli animali procurino danni alle colture agricole in aperta campagna. In quest’ultima ipotesi l’agricoltore e le aziende agricole, per attivare gli interventi da parte della Polizia Provinciale, devono inoltrare la richiesta alla Regione Toscana tramite la procedura informatizzata sul sistema informativo agricoltura della Regione Toscana (SIART), predisposta da ARTEA (Agenzia Regionale Toscana per le erogazioni in agricoltura) email: artea@cert.legalmail.it;



Tag
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità