Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:51 METEO:PISTOIA7°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
martedì 07 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Il crollo degli edifici ore dopo il sisma in Turchia: i video ripresi con gli smartphone

Attualità giovedì 01 aprile 2021 ore 17:45

"Più ristori per noi ostaggio della zona rossa"

Alessandro Tomasi
Alessandro Tomasi

Il sindaco Tomasi ha scritto al ministro per lo sviluppo economico Giorgetti dando voce al tessuto economico piegato da oltre un mese di chiusure



PISTOIA — "Maggiori ristori per noi ostaggio della zona rossa Covid da oltre un mese. Pistoia rischia una crisi irrimediabile": si appella al Ministro dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, il sindaco di Pistoia Alessandro Tomasi con una lettera inviata a Roma sulla situazione pistoiese. Il riferimento è, in particolare, alle settimane di zona rossa istituite con ordinanza regionale dal presidente Eugenio Giani. Fin dal primo provvedimento adottato, ovvero dal 27 febbraio scorso, era stata chiesta da tutti i sindaci della Provincia garanzia sui maggiori ristori e sostegni per quei territori, come Pistoia appunto, sottoposti a misure maggiormente restrittive rispetto al resto della Regione passata invece in zona rossa il 29 marzo con atto ministeriale.

"Non è possibile comprendere e spiegare il meccanismo secondo cui a ristoratori, parrucchieri, estetisti, commercianti e a tutte le altre categorie di lavoratori che hanno sospeso la propria attività – spiega il sindaco Tomasi - viene chiesto dalle Istituzioni, in modo doveroso, per perseguire un bene superiore e in base all’andamento dei contagi, di tirare giù le saracinesche per oltre un mese senza sostegni adeguati. A chiusure straordinarie, devono corrispondere misure altrettanto straordinarie. Invece il nostro territorio è equiparato alle città dove le attività non si sono fermate per così tanto tempo". 

"Questo - prosegue Tomasi - appare ancora più chiaro nel bando da 25 milioni sui ristori appena annunciato dalla Regione Toscana per alcune categorie. Nulla di maggiormente incisivo si prevede per quei territori che per ordinanza regionale hanno rispettato le misure previste per la zona rossa. Rinnovo la richiesta di misure adeguate anche ai nostri rappresentanti in Regione e credo che potrà essere condivisa da altri territori nella stessa nostra situazione, penso ad esempio a Siena".

La richiesta del sindaco Tomasi al ministro Giorgetti è quella di prevedere, dunque, ristori adeguati per le chiusure avvenute con ordinanza del presidente della Regione: "Pistoia rischia di essere colpita da una crisi irrimediabile, anche perché i dati a livello regionale non sembrano migliorare, inoltre continua ad andare a rilento l’attuazione della campagna vaccinale, con particolare riferimento alle persone anziani e fragili. Per questo – sottolinea in conclusione Tomasi – nemmeno parlare di ristori è sufficiente. Ci vogliono sostegni adeguati ma, soprattutto, occorre ritornare a poter lavorare, chiaramente con le dovute e rigorose misure di sicurezza, a cui, tra l’altro, le attività si erano già adeguate per le riaperture del 2020".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Progetto innovativo nella piana Pistoiese per riqualificare una frazione con la creazione di un centro di comunità per giovani imprenditori
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità