Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:52 METEO:PISTOIA20°24°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
domenica 26 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Napoli, gli operatori ecologici filmati mentre spargono rifiuti in strada: la denuncia social

Attualità martedì 01 giugno 2021 ore 09:07

Negli ospedali nuove 'armi' contro il Covid

Lorenzo Zogheri e Paolo Morello Marchese
Lorenzo Zogheri e Paolo Morello Marchese

E' varata la nuova donazione di apparecchiature biomedicali per i presidi San Jacopo e Santi Cosma e Damiano da parte della Fondazione Caript



PISTOIA / PESCIA — È stato firmato ieri l’atto notarile di donazione da parte della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia per l'assegnazione di nuovi apparecchi biomedicali agli ospedali San Jacopo di Pistoia e Santi Cosma e Damiano di Pescia. Gli strumenti sono stati donati nell’ambito delle azioni finalizzate a contrastare l’emergenza pandemica da Covid-19 per un valore complessivo di oltre 244.000 euro. Alla stipula dell’atto erano presenti Lorenzo Zogheri, presidente della Fondazione Caript, e Paolo Morello Marchese, direttore generale dell'Asl Toscana centro.

Con un precedente stanziamento, del valore di 1 milione di euro, la Fondazione aveva già acquistato e attrezzato numerosi reparti con nuovi strumenti e contribuito all’allestimento dei nuovi posti letto di cure intermedie al Ceppo. Nei primi mesi del 2021, con un ulteriore stanziamento di 480.000 euro sono stati acquistati una Tac e un ecografo per la radiologia di Pistoia.

Con le nuove donazioni la struttura di Radiologia dell’ospedale di Pistoia viene implementata con apparecchiature per la diagnostica per immagini, cresce l’impiego delle unità mobili per gli esami anche direttamente al letto del paziente, mentre aumentano nell’ospedale di Pescia gli ecografi nella terapia intensiva per la gestione dei pazienti critici, si sviluppano procedure avanzate, più sicure e rapide con l’aiuto di un videolaringoscopio e sarà possibile il monitoraggio h24 dei malati non solo a letto con la telemetria.

Morello Marchese ringrazia per il "sostegno fondamentale": “Le attrezzature sanitarie e i dispositivi medici fin qui donati raggiungono la cifra considerevole di quasi 2 milioni di euro – ha evidenziato – e sono stati decisivi nell’affrontare l’emergenza sanitaria: si tratta di strumenti che per la loro tipologia tecnica operativa e clinica, di ultima generazione, garantiscono performance elevate nella gestione dei pazienti affetti da Covid-19, ma non solo; nel futuro tali strumenti rivestiranno un ruolo determinante per sviluppare nuovi e innovativi servizi”.

“Fin dai primi momenti, confusi e concitati, di questa grave emergenza sanitaria – ha dichiarato Zogheri – il nostro ente non ha esitato, ponendosi subito al servizio e a sostegno della sanità locale e di tutti gli operatori che, con grande dedizione e fatica, erano impegnati in prima linea per tutelare la vita dei cittadini”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I tamponi positivi emersi nelle ultime 24 ore non mostrano particolari picchi di concentrazione ma sono diffusi tra montagna, piana e Valdinievole
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cultura

Attualità

CORONAVIRUS