Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:30 METEO:PISTOIA17°31°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
sabato 19 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Saviano: «De Luca non mi vuole al Festival di Ravello? Non c'è nessun problema: non vengo»

Attualità venerdì 07 maggio 2021 ore 19:11

La Sala della Cross intitolata a Nicola Roccella

L'intitolazione
L'intitolazione

Commozione e gratitudine questo pomeriggio alla cerimonia di intitolazione della centrale remota del seccorso al medico morto prematuramente



PISTOIA — Si è svolta tra lacrime di commozione e gratitudine la cerimonia di intitolazione della Cross (Centrale Remota di Soccorso Sanitario) con sede presso la Centrale Operativa 118 Empoli-Pistoia a Nicola Roccella "l'indimenticabile uomo, medico e soccorritore", com'è stato scritto nella targa apposta all'interno della sede operativa. Nicola è morto quando aveva solo 39 anni. 

Oggi a Pistoia erano presenti i genitori di Nicola, la mamma Mila e il babbo Osvaldo, il figlio Tommaso che oggi ha 14 anni, la compagna Stefania e la sorella Valentina con il personale della Centrale operativa, in presenza ma anche a distanza per rispettare le regole imposte dall'attuale emergenza da Covid-19.

"Tutti avrebbero voluto essere qui oggi, ma le circostanze del momento non lo hanno permesso - ha dichiarato il dottor Piero Paolini, direttore della Cross e del 118 - soprattutto coloro che hanno conosciuto Nicola. Credo di aver interpretato il desiderio di tutti nella decisione di dedicare a lui la Sala Cross". Paolini ha ribadito che Nicola era un grande medico del soccorso, profondamente appassionato del suo lavoro e innamorato della vita.

La targa è stata scoperta dal figlio Tommaso. La mamma Mila, emozionata, ha ricordato che "sono trascorsi 3.719 giorni da quando Nicola non c'è più, e tuttavia non vogliamo l'esclusiva del dolore perché in questo momento tante persone soffrono. Siamo profondamente grati al dottor Paolini per l'affetto e per il suo amore sconfinato per nostro figlio".

Il babbo Osvaldo, medico cardiologo in pensione che cercò disperatamente di soccorrere il figlio, ha espresso affetto fraterno e riconoscenza rivolgendosi a tutto il personale del 118: "La targa - ha affermato - servirà a ricordare Nicola a chi lo ha conosciuto e amato tra i suoi colleghi e far sapere chi era ai giovani medici che arriveranno".

A conclusione della cerimonia il dottor Paolini ha reso noto che per disposizione della Presidenza del Consiglio dei Ministri la Centrale Cross è stata disattivata oggi alle ore 15: "Una notizia - ha sottolineato il direttore della struttura - sicuramente positiva, un elemento di speranza in questa grave emergenza che ancora stiamo vivendo".

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ecco dai bollettini ufficiali i dati sull'andamento della pandemia nel dettaglio territoriale, relativi alle ultime 24 ore. Nessun caso nel capoluogo
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità