Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:03 METEO:PISTOIA10°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
domenica 28 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Perù, forte scossa di terremoto: crolli e persone in fuga

Cronaca venerdì 23 aprile 2021 ore 14:03

Nove arresti, stroncata rete di spaccio di droga

auto dei carabinieri

Dopo un anno di indagini partite dalla morte di un uomo di 34 anni, i carabinieri stamani hanno smantellato una banda organizzata di spacciatori



PISTOIA — Era l'aprile 2020. Un uomo di 34 anni moriva per un mix letale di medicinali, sostanze alcoliche e droga. Dall'indagine innescata da quel decesso, oggi i carabinieri hanno scoperchiato una rete di spaccio. Stamani all'alba, dopo aver documentato 12.000 cessioni con le richieste smistate da una sorta di centralinista dello spaccio, i militari hanno arrestato 9 persone e all'esecuzione di un obbligo di dimora.

I destinatari delle ordinanze sono accusati di aver dato vita a un fiorente mercato di spaccio che riforniva di eroina e hashish tutto il territorio della piana pistoiese, ma principalmente proprio il capoluogo. Inoltre per i due spacciatori individuati quali responsabili della cessione della dose risultata fatale per il 34enne è stato ipotizzato anche il reato di morte come conseguenza di altro delitto. La compagna dell'uomo, colei che materialmente gli avrebbe iniettato lo stupefacente, è invece indagata per omicidio preterintenzionale. 

Le indagini sono partite dall'analisi del telefono in uso al 34enne: sarebbero emersi contatti e conversazioni inerenti l'acquisto di stupefacenti. Sono poi state disposte le intercettazioni telefoniche, che hanno portato al monitoraggio di oltre 30.000 le telefonate e conversazioni a cui si sono aggiunti servizi di pedinamento e appostamenti, riscontri e acquisizioni di filmati e fotografie. L'attività avrebbe portato a documentare circa 12.000 episodi di spaccio. 

Le cessioni avvenivano con una modalità molto simile a quelle di un centralino: gli acquirenti, sempre utilizzando un linguaggio elusivo, contattavano telefonicamente un'utenza a cui rispondeva quasi sempre la stessa persona che prendeva le ordinazioni, indicando poi luoghi e orario di consegna che generalmente avveniva nel corso di pochi minuti. Lo stesso 'centralinista' poi indirizzava i vari spacciatori sui luoghi dell'appuntamento per la cessione.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Resta alta la curva epidemiologica nel Pistoiese dove la tendenza al contagio da Coronavirus è in crescita rispetto alle precedenti 24 ore
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità