Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:33 METEO:PISTOIA13°25°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
lunedì 10 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Treviso, incidente deltaplano: il video della tragedia

Attualità giovedì 25 febbraio 2021 ore 15:40

L'ospedale riapre il reparto Covid

L'ospedale di Pescia
L'ospedale di Pescia

Tornano operativi i 25 posti letto per il ricovero dei pazienti con Coronavirus all'ospedale dei Santi Cosma e Damiano. Erano chiusi da dicembre



PESCIA — Tornano operativi da domani, venerdì 26 febbraio, i 25 posti letto per il ricovero dei pazienti con patologia Covid-19 all'ospedale dei Santi Cosma e Damiano a Pescia. Chiusi dallo scorso dicembre, i posti letto sono stati nuovamente ottenuti da una riconversione attuata all'interno del setting di Medicina Interna. 

I 25 posti letto vanno a rafforzare la rete ospedaliera dell'Asl Toscana Centro e sono dedicati al ricovero dei casi Covid nonché dei pazienti fortemente dubbi dal punto di vista clinico. Sara Melani, direttore sanitario dell'ospedale, precisa che per la riapertura del reparto sono state attuate nuovamente tutte le azioni e gli interventi logistici ed organizzativi necessari.

In particolare sono stati definiti assetti e destinazioni, spazi e percorsi, interni ed esterni al setting in questione per la gestione in sicurezza dei ricoveri e stabiliti i trasferimenti interni al presidio in collaborazione con il servizio di prevenzione e protezione aziendale, a garanzia dei pazienti e degli operatori di tutto l'ospedale.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I dati territoriali aggiornati alle ultime 24 ore dal report della Regione. Da inizio epidemia quasi 22mila casi accertati
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Cronaca

CORONAVIRUS