Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:51 METEO:PISTOIA7°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
martedì 07 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Il crollo degli edifici ore dopo il sisma in Turchia: i video ripresi con gli smartphone

Cronaca martedì 05 ottobre 2021 ore 18:50

"Vediamoci per un caffè" e la tangente è servita

Una frana - foto di repertorio
Una frana - foto di repertorio

Blitz all'alba: 11 arresti per corruzione in gare di appalto per lavori stradali. Coinvolti 2 funzionari comunali, vari imprenditori, un faccendiere



PROVINCIA DI PISTOIA — "Vediamoci per un caffè": questa frase banale era diventata un messaggio in codice per i membri di un imponente giro di tangenti che, stando alla ricostruzione della procura pistoiese, venivano incassate da 2 funzionari pubblici per pilotare gare di appalto bandite dai Comuni di Pescia e di Uzzano per lavori stradali o nei cimiteri, anche di somma urgenza.

Sono 43 le persone coinvolte nell'inchiesta denominata Coffee break, residenti in Toscana e in Emilia Romagna, fra cui i 2 funzionari dei Comuni già citati, un faccendiere e i titolari di numerose imprese. Su ordine della procura, gli uomini della squadra mobile hanno eseguito stamattina 11 arresti, 8 in carcere e 3 ai domiciliari con braccialetto elettronico, più 8 obblighi di dimora. Durante il blitz scattato all'alba sono state effettuate anche 5 perquisizioni e il sequestro preventivo di vari beni. Nell'abitazione di uno degli indagati sono stati trovati 266mila euro in contanti chiusi in una cassaforte.

"Il giro di tangenti funzionava con un meccanismo collaudato - ha sottolineato nel corso di una conferenza stampa il procuratore Tommaso Coletta - Ci si accorda fra un pubblico ufficiale e un intermediario delle imprese intenzionate a corrompere per avere lavori dal Comune e poi altre imprese compiacenti si prestano a presentare offerte pilotate in modo da indirizzare l'esito della gara verso la prima impresa e farla vincere".

I reati contestati a vario titolo agli indagati sono corruzione, istigazione alla corruzione, turbativa d'asta, peculato, concussione, subappalto non autorizzato, frode nelle pubbliche forniture e falso ideologico.

L'indagine è partita alla luce che alcune imprese si aggiudicavano un maggior numero di appalti banditi dai due Comuni, anche per quanto riguarda gli importi, e i documenti amministrativi hanno confermato una gestione irregolare delle gare.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Progetto innovativo nella piana Pistoiese per riqualificare una frazione con la creazione di un centro di comunità per giovani imprenditori
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità