Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:10 METEO:PISTOIA11°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
giovedì 02 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Covid, von der Leyen: «È tempo di discutere dell'obbligo vaccinale»

Imprese & Professioni sabato 20 giugno 2020 ore 14:35

​Riapertura dei concessionari in Toscana: ecco le nuove regole

Dopo un lockdown che sembrava interminabile, i motori si sono riaccesi con il Dpcm del 26 aprile per i concessionari auto e per tutto il comparto automobilistico



TOSCANA — Il pit-stop prolungato ha rischiato di mettere in ginocchio il settore delle quattroruote, che ha registrato un notevole quanto prevedibile calo delle vendite in tutta la Toscana, soprattutto per quel che riguarda l’acquisto di automobili nuove.

Con le attività commerciali tutte chiuse, purtroppo c’era da aspettarselo. La notizia positiva, però, è che qualcuno è riuscito a reinventarsi e continuare la propria attività parzialmente online.

Se lo shopping online dei più svariati prodotti ha costituito la soluzione per milioni di italiani chiusi in casa, il fenomeno ha colpito, seppur in misura minore, anche il settore dei motori e sono diversi i siti specializzati che sono venuti incontro alle esigenze degli utenti rimasti in panne.

Il lockdown, ad esempio, si è tenuto a cavallo delle stagioni invernale e primaverile e quanti avevano la necessità di fare il cambio gomme all’auto hanno trovato la soluzione su Autoparti, il rivenditore online specializzato in pneumatici, ricambi e accessori.

Chi invece non ha potuto ripiegare sul fai da te, si è trovato ad indagare la rete alla ricerca della prossima auto da acquistare nuova o di seconda mano, da privati o concessionari di usato garantito.

Non tutti però si sono rivelati favorevoli agli acquisti a distanza. Sono ancora tantissime le persone che preferiscono toccare con mano prima di confermare l’acquisto.

Per tutti loro, ecco che la tanto agognata Fase 2 è arrivata e con essa si scoprono tutte le regole che consentono la riapertura delle concessionarie e delle autofficine per rimettere in moto il mercato delle auto in totale sicurezza.

Sanificazione e protezioni obbligatorie: ecco quali sono le condizioni per ripartire

Dal 4 maggio le concessionarie hanno riaperto le porte ai clienti, non prima di aver effettuato un’approfondita sanificazione dei locali, dei mezzi in esposizione e di tutte le superfici con cui possono entrare in contatto i clienti, perfino le chiavi delle vetture.

Fermo restando che gli spostamenti sono consentiti sempre entro la regione, pertanto non è ancora possibile andare a ritirare un’auto che si trova in un concessionario fuori dal territorio toscano, per evitare assembramenti è opportuno recarsi in negozio su appuntamento e possibilmente da soli, senza altri componenti della famiglia, e muniti di autocertificazione che è necessaria per ogni spostamento.

Come per qualsiasi altra attività commerciale, rimane l’obbligo di mascherina e guanti, di evitare abbracci e strette di mano e di rispettare la distanza di sicurezza anche per test drive, che sono consentiti e prevedono la sanificazione del mezzo dopo ogni prova.

Incentivi per far ripartire il mercato

La battuta d’arresto che ha subito il mercato delle auto e affini rappresenta un problema per l’economia del Paese, dal momento che incide per il 10% sul Pil nazionale.

Per tale motivo, in questa fase risulteranno decisive le politiche dello Stato per aiutare il settore, come enunciato con il Decreto Rilancio.

Gli incentivi sulla rottamazione, con bonus fino a 1500 euro per le auto e 500 euro per le moto, sono previsti a partire dal 2021, mentre attualmente il Governo ha annunciato l’emissione di bonus sull’ acquisto di biciclette e monopattini elettrici.

L’uno non esclude l’altro: chi risparmia sulla rottamazione può spendere questo denaro per l’acquisto di mezzi più ecologici ma, nel frattempo, non si esclude che entro il 2020 potrebbero essere messe in atto altre strategie per agevolare l’acquisto di auto e incentivare la ripartenza del settore.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Con la nuova vittima odierna salgono a 688 i decessi riconducibili al virus verificatisi in area provinciale dal Febbraio 2020, inizio della pandemia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

CORONAVIRUS

Lavoro