Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:PISTOIA10°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
venerdì 02 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Lukaku in lacrime dà un pugno alla panchina dopo l'eliminazione del Belgio

Attualità mercoledì 26 ottobre 2016 ore 12:24

Torturata con una collare a punte di ferro

Lilla, meticcia di pastore tedesco, era legata a una catena con un collare di ferro a punte conficcate nel collo. Condannati gli aguzzini



PISTOIA — Legata ad una catena con un collare di ferro a punte conficcate nel collo.

Lilla, meticcia di pastore tedesco, era costretta a un vero e proprio strumento di tortura, fatto apposta perché ogni tentativo di liberarsi, per sottrarsi al dolore, peggiorasse la situazione.

Gli aguzzini, padre e figlia, sono stati condannati per maltrattamento di animali e obblighi dal Tribunale di Pistoia a pagare 7.200 euro di multa più la confisca del cane.

"Una sentenza importante, che segna un passo avanti nel lento cammino verso il riconoscimento dei diritti degli animali - commenta Enpa Pistoia - Dopo quattro anni di sofferenze e due di canile, Lilla può sperare in una nuova famiglia: non tornerà nelle mani dei suoi aguzzini".

Erano stati propri gli operatori di Enpa Pistoia, alla fine dell'Agosto 2014, a trovare Lilla all'interno di un allevamento della montagna pistoiese. Gli operatori si erano trovati di fronte ad una scena terribile: una cagna meticcia di pastore tedesco tenuta a catena con un collare di ferro, stretto attorno al collo, le cui punte ritorte penetravano nella carne dell'animale che era sanguinante e infetto. 

Il cane aveva 40 gradi di febbre ed emanava un odore nauseabondo a causa dell'infezione causata dalle punte di ferro penetrate nella carne viva. 

L'allevatore si era difeso dicendo che il cane non apparteneva a lui ma alla figlia e che era legato alla catena perché era particolarmente vivace.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Stabile il numero dei posti letto occupati negli ospedali della Toscana tra reparti ordinari e terapie intensive, calano i ricoverati gravi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Edit Permay

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Attualità