Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:32 METEO:PISTOIA17°29°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
mercoledì 18 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Omicidio ripreso in diretta dalle telecamere di sicurezza del carcere di Foggia

Cronaca mercoledì 10 febbraio 2021 ore 10:44

Frode con la benzina e scattano i sequestri

pompe di benzina

Le indagini tra il capoluogo e la Valdinievole hanno portato a 6 misure cautelari verso altrettanti imprenditori e sequestri anche a Lucca e Prato



PISTOIA / MONTECATINI TERME — Vendevano frodando il fisco carburante in arrivo dalla Croazia, poi riciclavano lì il denaro ottenuto reimpiegato quindi in due società che facevano da cassaforte dell'attività illecita: questo il meccanismo scoperchiato dal comando provinciale della guardia di finanza di Pistoia e dai militari di Montecatini Terme che stamani nel primo mattino hanno eseguito un provvedimento di misura cautelare emesso dal tribunale di Pistoia nei confronti di 6 imprenditori residenti in Toscana e in Piemonte, procedendo al sequestro di beni per un valore complessivo di 130 milioni di euro fra Italia e Croazia.

Il filone di indagine deriva dall'operazione Gasoline free del 2019. Nello specifico, i beni sin qui sottoposti a sequestro sono 19 immobili nelle province di Pistoia, Prato e Lucca, 15 auto e 53 rapporti finanziari. Sono stati gli uomini delle Fiamme Gialle monticatinesi a mettere a fuoco il commercio fraudolento di benzina proveniente dalla Croazia a carico dei 6 imprenditori. 

Gli indagati, spiega la Guardia di Finanza in una nota, sono risultati contigui a una associazione economico-criminale già oggetto nel 2019 di indagine per frode fiscale per oltre 20 milioni di euro: era appunto l'operazione Gasoline free. Da lì però gli investigatori non si sono fermati e hanno avviato un nuovo filone investigativo che ha portato a individuare altre persone del settore che favorivano il riciclaggio in Croazia di consistenti somme di denaro derivanti dalla frode.

Dunque le intercettazioni e le nuove indagini di polizie giudiziaria, sotto la direzione della procura di Pistoia e in collaborazione col canale di collegamento giudiziario Eurojust, da cui sono stati individuati flussi finanziari illeciti che - attraverso false fatturazioni - venivano indirizzati verso banche croate e poi reimpiegati per creare e poi gestire lì due società col ruolo di cassaforte permanente per quei guadagni. L'operazione è stata svolta con l'ausilio dell'Agenzia delle dogane e dei monopoli - Direzione Interregionale per la Toscana, Sardegna e Umbria, presente con proprio personale.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Uno storico marchio di abbigliamento e l'attività in parrocchia: era il punto di riferimento della sua comunità che oggi la piange, un male l'ha vinta
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Ciro Vestita

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Toscani in TV

Attualità

Attualità

Attualità