Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:00 METEO:PISTOIA13°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
venerdì 23 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Salmone allevato nelle gabbie tra pesci morti attaccati dai parassiti. Le immagini dal drone

Attualità lunedì 27 marzo 2023 ore 12:36

Dormono poco e non fanno attività fisica, sono gli operatori ospedalieri

Sono 600 gli operatori del San Jacopo che hanno aderito al questionario sugli stili di vita: dall’autovalutazione ai corsi di educazione alla salute



PISTOIA — Un questionario di autovalutazione sottoposto ai 1.363 operatori dell’Ospedale San Jacopo, ma anche del L. Pacini di San Marcello, al quale hanno risposto in 639 ha permesso di tracciare un identikit dell'operatore sanitario che dorme meno di 6-8 ore al giorno, non fuma, non fanno attività aerobica almeno 150 minuti alla settimana. 

La compilazione del test, in forma anonima, rappresentava il primo dei tre step (gli altri due sono: focus group con incontri organizzati sulle criticità emerse e a seguire veri e propri corsi educativi) del progetto “Facciamoci un selfie”, il primo del genere sugli stili di vita condotti in ambito lavorativo e privato da parte dei dipendenti.

Dall'analisi dei questionari seguiranno azioni concrete per il cambiamento delle abitudini: il terzo step del progetto prevede, infatti, ad esempio incontri con i nutrizionisti e gli psicologi, fino all’organizzazione di iniziative che possano favorire il movimento e quindi l’attività fisica.

Nel test di autovalutazione (50 domande in tutto) sono stati indagati gli aspetti della sfera fisiologica, psicologica, alimentare e ambientale/relazionale.

Dei 639 operatori che hanno risposto al test la maggior parte è di sesso femminile (81,38%), l’89% appartiene al ruolo sanitario, il 4,85% a quello amministrativo e il 2,97% a quello tecnico; il 51% non svolge attività lavorativa notturna e il 39,91% effettua invece i turni di notte.

Tra gli item di salute più significativi emerge inoltre che il 75% non è iperteso, il 50% consuma frutta e verdura ad ogni pasto ma ben il 75% non trascorre almeno un’ora al giorno all’aria aperta, quasi il 56% si definisce normopeso e il 57% riferisce di avere buone relazioni con i colleghi.

Il secondo step del progetto si è svolto in questi giorni con un incontro in Ospedale per la presentazione dei dati agli operatori attraverso l’analisi delle 37.062 risposte.

I dati sono stati illustrati dal gruppo che segue il progetto, Alessandro Capitanini, che ne è il promotore ed è direttore della struttura operativa complessa di nefrologia e dialisi, le dottoressa Donatella Reami (medicina preventiva), Donatella Salvi e Sara Menzoni (servizio prevenzione e protezione, ambito Pistoia e Prato), Alessio Bonari (psicologo) e Davide Bentivegna (medico in formazione in Igiene e Medicina preventiva Università di Firenze).

Il questionario era stato distribuito nei mesi scorsi in tutti i contesti lavorativi e vi hanno aderito tutte le figure professionali: infermieri, medici, tecnici, amministrativi e promosso nel mese di Novembre con apposita campagna informativa all’interno del presidio ospedaliero.

Spiega Alessandro Capitanini promotore del progetto e direttore della struttura operativa di Nefrologia e Dialisi "modificare le abitudini della popolazione sarà una delle grandi sfide del prossimo futuro: partire dal personale sanitario un dovere da parte della medicina preventiva. Le condizioni di salute della popolazione “ricca” del mondo sono peggiorate: è allungata la vita media ma è diminuita la vita in salute, cioè gli anni vissuti senza malattia. Molte delle patologie croniche (malattie cardiovascolari, ipertensione arteriosa, diabete, obesità) originano, in larghissima parte, dalle nostre cattive abitudini, e potrebbero essere prevenute dal 30-80% dei casi. Rendere le persone consapevoli delle proprie abitudini e, soprattutto, far capire che alcune possono essere cattive abitudini rappresentano due degli obiettivi del progetto. Terzo e forse più importante l’obiettivo di offrire strumenti pratici per il cambiamento".

Il progetto ha inoltre ottenuto il pieno sostegno del direttore della rete ospedaliera Lucilla Di Renzo e del direttore del dipartimento delle specialistiche mediche.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La sala operativa della protezione civile regionale ha emesso un bollettino in codice giallo. Ecco le aree interessate
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità