Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:38 METEO:PISTOIA18°34°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
martedì 16 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Addio a Piero Angela, il figlio Alberto: «È stato come vivere con Leonardo da Vinci»

Attualità lunedì 29 agosto 2016 ore 14:07

Chiusura temporanea del Voronoi, è polemica

Il provvedimento di cinque giorni per mancato rispetto delle norme fa esplodere la polemica fra il Comune e il noto locale



PISTOIA — II provvedimento scattato venerdì scorso nei confronti del locale di piazza dell'Ortaggio, uno dei più noti e frequentati dai giovani, fa ancora discutere e dispone anche la rimozione di tavolini e sedie fino al rilascio della nuova concessione.

"Informiamo e ci Scusiamo con Tutti i Nostri Clienti ed Amici che purtroppo siamo Chiusi, da ieri a Martedì prossimo (compreso). 

Per l'occasione noi ed i nostri 20 collaboratori vogliamo ringraziare l'Amministrazione Comunale per queste "ferie forzate", hanno scritto su facebook i titolari del locale.


"Ringraziamo ancora per questo trattamento speciale che ci avete dedicato, il nostro contributo portato avanti sempre con il massimo impegno e professionalità nel dare un servizio e cercare di rendere Viva questa Città per avventori locali, città limitrofe e stranieri ha dato questi risultati.
Abbiamo contribuito in maniera importante alla crescita del Centro Storico, ormai arrivato a contare circa 400 addetti nel settore, questo è il Vostro ringraziamento.
Vogliamo informare e chiarire che questa Ordinanza generata in maniera coatta, è a seguito di un suolo pubblico negato per difformità sulle misure di un ombrellone. Quindi mi pare giusto chiudere un locale 5 giorni e lasciare a casa 20 dipendenti!
Grazie ancora Amministrazione Comunale di Pistoia, sicuramente non rispecchiate il nostro consenso!"

Il Comune stesso però ha replicato dicendo di avere emanato nel tempo "Una lunga serie di richiami e di avvisi per l'adeguamento degli arredi esterni”.

"Sin dal febbraio 2016, quando il locale di piazzetta dell’Ortaggio ha chiesto per i suoi arredi esterni una concessione temporanea (concessa) e una annuale. Per quest’ultima la Conferenza dei servizi che esamina le richieste dei locali chiese, nel marzo scorso, l’adeguamento della misura e dell’ingombro degli ombrelloni. Quelli del Voronoi hanno contestato la richiesta e non si sono adeguati, per cui l’8 giugno la Conferenza ha chiuso negativamente la pratica, concedendo 10 giorni di tempo per rimuovere i dehor. Cosa che al Voronoi non hanno fatto, e per questo il 19 luglio è arrivato il verbale della polizia municipale, che è stato notificato l’11 agosto, concedendo ulteriori 7 giorni per rimuovere gli arredi. Ignorato anche questo termine, che scadeva il 25 agosto, è scattata l’ordinanza sindacale con chiusura di 5 giorni e immediata rimozione".

Sulla vicenda si è espressa anche la Confcommercio che "Nel manifestare piena solidarietà all'azienda ai titolari ed a tutti i collaboratori ritiene profondamente ingiusta ed inopportuna nel contesto temporale l'adozione di un provvedimento di questa portata. Un provvedimento adottato nel periodo di maggior lavoro da parte del locale (addirittura a ridosso di un fine settimana) senza di fatto un minimo di preavviso (solo 1 giorno) ed addirittura ignorando un provvedimento del giudice di pace di Pistoia che solo lunedì scorso aveva disposto la sospensiva al mese di Novembre della discussione sul merito della sanzione irrorata. Una sanzione che quindi costringe l'azienda a sospendere l'attività con conseguenti danni economici per la stessa ma che mina la fiducia delle imprese nelle istituzioni che dovrebbero stare al fianco delle nostre aziende".

E oggi nuova presa di posizione:" Riapertura del Voronoi mercoledì con i dehors e nuovo patto per lo sviluppo ed il sostegno del comparto Sala e del centro storico.

Queste le richieste che Fipe-Confcommercio – la Federazione dei Pubblici Esercizi – formula all’Amministrazione Comunale di Pistoia dopo la vicenda che ha portato alla chiusura della Ristocaffetteria Voronoi.

"Fipe-Confcommercio in rappresentanza degli oltre 70 locali che animano la Sala e le strade di immediato contorno, con oltre 500 addetti lancia quindi al Comune una proposta per riaprire immediatamente un confronto.

Gli effetti del Codice di Autoregolamentazione sottoscritto da quasi tutti i locali dell’area, che avevano visto un impegno delle imprese a rispettare regole non imposte da norme di legge, potrebbero definitivamente scemare se non si interviene concretamente con un nuovo patto.

Negli ultimi tempi, a partire dallo scorso mese di Dicembre, in città si è guardato più alla forma che alla sostanza. Si chiudono i locali perché utilizzano ombrelloni di dimensioni diverse rispetto a quelle proposte da qualche soggetto componente un tavolo tecnico, non si rinnovano le concessioni dei dehors per pagamenti del canone ritardati di alcuni giorni.

Uno scenario che si ripeterà fra pochi mesi (la replica di ciò che è successo lo scorso anno) se non si interviene subito e con fatti concreti non con proclami che non servono a nessuno", dice la Fipe.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Non si sono verificati nuovi decessi per il virus. L'incidenza giornaliera del contagio è la più bassa a livello regionale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità