Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:33 METEO:PISTOIA13°25°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
lunedì 10 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Treviso, incidente deltaplano: il video della tragedia

Attualità mercoledì 21 aprile 2021 ore 10:38

Sicurezza e ambiente si costruiscono insieme

polizia locale

Via libera a maggioranza dal consiglio comunale pistoiese all'accordo triennale per lo svolgimento coordinato dei servizi di polizia locale



PISTOIA — Sicurezza e ambiente si costruiscono insieme: il consiglio comunale lunedì scorso ha approvato a maggioranza l'accordo per lo svolgimento coordinato dei servizi di polizia locale in materia di sicurezza stradale e contrasto delle violazioni ambientali. L'assemblea si è espressa con 18 voti favorevoli (Fratelli d'Italia, Pistoia Concreta, Forza Italia Centristi per l'Europa, Lega per Salvini Premier e Amo Pistoia), 6 contrari (Partito Democratico, Movimento 5 stelle, Pistoia Spirito libero) e 2 astenuti (Italia Viva e Gruppo Indipendente).

La convenzione, di durata triennale, è formata da 9 articoli. L'ultimo prevede la sottoscrizione dell'accordo da parte di prefetto di Pistoia, presidente della Provincia e i sindaci di Pistoia, Montecatini Terme, Monsummano Terme, Marliana, Pescia, Sambuca Pistoiese e Serravalle Pistoiese e la successiva deliberazione dei consigli provinciale e comunali.

Il provvedimento è stato presentato dal sindaco di Pistoia Alessandro Tomasi, che ha spiegato come l'accordo vada a ratificare qualcosa che operativamente già esiste e che anche nei giorni scorsi ha portato al sequestro di rifiuti illegali stoccati abusivamente in un deposito. Tomasi si è proprio soffermato sull'abbandono di rifiuti e ingombranti: "Questo fenomeno interessa i comuni in modo trasversale e proprio per contrastarlo l'accordo si pone l'obiettivo di realizzare un coordinamento mettendo a disposizione tecnologia, capacità investigativa e formazione specifica di ognuno. Inoltre – ha detto in conclusione il sindaco - la Polizia Provinciale ha sviluppato un software nel quale possono essere inseriti tutti i controlli fatti o le sanzioni elevate nei vari comuni in modo da realizzare una mappatura degli interventi".

Dopo il sindaco hanno preso la parola diversi consiglieri comunali tra i quali Tina Nuti (Pistoia Spirito Libero), Francesca Capecchi (Fratelli d'Italia), Walter Tripi (Partito Democratico) e Iacopo Bojola (Forza Italia – Centristi per l'Europa) per motivare il proprio voto ed esprimere il ventaglio di posizioni.

"Pistoia Spirito Libero – ha detto la capogruppo Tina Nuti - ha espresso voto contrario all’ennesimo accordo fra Comune e Prefettura, ritenendo che sia solo di facciata. Infatti già poco tempo fa è stato firmato un altro accordo del tutto simile". Di tutt'altro avviso la consigliera di FdI Francesca Capecchi: "In questo consiglio comunale ormai si è diffusa la pratica di mettere in dubbio la legittimità dei provvedimenti e i pareri tecnici rilasciati". E ancora: "E' il nostro territorio a chiederci la necessaria collaborazione fra le forze di polizia comunali, per essere ancora più incisivi nel lavoro di controllo e prevenzione".

"Se questo passaggio fosse stato fatto secondo le linee guida della Regione – ha evidenziato il capogruppo del PD Walter Tripi -, le possibilità di intervento sarebbero state molto maggiori. Così è solo un ulteriore specchietto per le allodole di un'amministrazione che il tema della Sicurezza lo prende soltanto come propaganda". "L'accordo, che andiamo a perfezionare con il passaggio in consiglio comunale – ha spiegato il capogruppo di Forza Italia – Centristi per l'Europa Iacopo Bojola -, è uno strumento che andrà a rafforzare la collaborazione delle varie forze di Polizia Municipale dei comuni limitrofi a Pistoia, con mezzi ed agenti che potranno presidiare le strade, indipendentemente dai confini comunali e provvedere alla prevenzione dei numerosi reati ambientali".

Nelle repliche il sindaco Tomasi ha sottolineato: "Per la prima volta Comuni con colore politico diverso hanno cercato, insieme alla polizia provinciale e al coordinamento della prefettura, di affrontare i problemi legati alla sicurezza sulle strade e all'abbandono dei rifiuti. I cittadini, ma anche i consiglieri comunali, chiedono da tempo soluzioni ai fenomeni di criminalità. Con questo accordo vogliamo dare delle risposte concrete che verranno ulteriormente potenziate quando sarà possibile assumere nuovi agenti della polizia municipale dal concorso del Comune di Montecatini Terme".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Da inizio epidemia quasi 22mila persone residenti in provincia hanno contratto il virus. Il report non segnala nuove vittime nel Pistoiese
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Cronaca

CORONAVIRUS