Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:10 METEO:PISTOIA11°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
giovedì 02 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Covid, von der Leyen: «È tempo di discutere dell'obbligo vaccinale»

Cronaca martedì 02 febbraio 2021 ore 11:43

Muore operaio di 23 anni sotto una pressa

soccorritori

Quando i soccorritori sono giunti all'azienda tessile non hanno potuto che constatare il decesso dell'uomo. Sul posto vigili del fuoco e carabinieri



MONTALE — Un operaio di 23 anni è morto schiacciato sotto una pressa. E' accaduto questa mattina in un'azienda tessile a Montale, in provincia di Pistoia. La chiamata alla centrale operativa del 118 è arrivata alle 8,34 del mattino.

I soccorritori del 118 hanno solo potuto constatare il decesso dell'uomo, Jaballah Sabri. Sul posto sono accorsi anche i vigili del fuoco e i carabinieri. Dalla Asl Centro si fa sapere che il giovane stava lavorando a una macchina automatica 'apri balle', quando è rimasto schiacciato dal macchinario. "Il giovane è subito deceduto. I colleghi hanno prontamente chiamato il 118 ma i soccorsi una volta arrivati sul posto non hanno fatto altro che constatare il decesso. Immediatamente sono intervenuti i tecnici della prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro dell'area pistoiese". Gli accertamenti per ricostruire la dinamica dell'incidente mortale sono ancora in corso.

Arriva intanto il cordoglio della Cgil di Pistoia che, per bocca del segretario generale Daniele Gioffredi e del suo omologo di categoria (Filctem) Massimiliano Brezzo, si stringe attorno ai familiari della vittima e si mette a loro disposizione. "E’ inaccettabile continuare a morire di lavoro - dichiarano i rappresentanti Cgil in una nota - è una sconfitta per tutti, e nel momento in cui si muore di lavoro non esiste più il diritto al lavoro previsto nella nostra costituzione".

Dal fronte sindacale arriva poi la presa di posizione del segretario provinciale dell'Ugl Antonio Vittoria: "Angosciante il tragico bilancio degli incidenti sul lavoro avvenuti nelle ultime ore. Purtroppo il clima di emergenza sanitaria, è innegabile, contribuisce non poco ad alimentare stati d'animo e tensioni che non vanno, sicuramente, a beneficio della sicurezza dei lavoratori. In un clima del genere diventa indispensabile rimarcare l'importanza tutti gli aspetti legati alle norme per la sicurezza".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Con la nuova vittima odierna salgono a 688 i decessi riconducibili al virus verificatisi in area provinciale dal Febbraio 2020, inizio della pandemia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

CORONAVIRUS

Lavoro