Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:33 METEO:PISTOIA13°25°  QuiNews.net
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
lunedì 10 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Treviso, incidente deltaplano: il video della tragedia

Attualità martedì 16 marzo 2021 ore 13:04

"Vaccini, fate presto", appello degli industriali

Il monito di Confidustria per l'accelerazione della campagna vaccinale. "Ne va della vita delle persone e dell'economia", dicono gli industriali



LUCCA-PISTOIA-PRATO — Accelerare sui vaccini, perché il rischio è quello di retrocedere sui mercati internazionali. L'appello arriva da Confindustria Toscana Nord, dalla voce del presidente dell'ente Giulio Grossi che spinge sulla possibilità di poter vaccinare direttamente sul posto di lavoro.

"Se i nostri concorrenti saranno vaccinati e noi no rischiamo grosso. L'Italia rischia grosso. Potremmo rimanere tagliati fuori dalla ripresa, o perché ci ammaliamo o perché ne veniamo esclusi. Con le vaccinazioni occorre fare presto, molto presto", ha detto Grossi.

"Serve che i vaccini siano disponibili - dichiara Grossi -, e su questo è l'Unione Europea in primo luogo a dover mettere in campo ogni strumento possibile per assicurare le forniture; ma serve anche un'organizzazione forte ed efficiente per la loro somministrazione, e questo è un aspetto che riguarda direttamente l'Italia. Accogliamo con fiducia le rassicurazioni che provengono dal nuovo Governo: l'obiettivo delle 500.000 vaccinazioni al giorno viene presentato come realistico e questa è una buona notizia, che ci auguriamo si traduca il prima possibile in fatti concreti". 

"Immunizzare quanto prima le persone è un atto necessario dal punto di vista umano: il bollettino quotidiano dei decessi lascia tutti noi costernati e sgomenti. Anche l'economia rischia moltissimo se i vaccini tarderanno ad arrivare. Dispiace profondamente, addolora e preoccupa la situazione dei settori che a causa delle restrizioni sono inattivi del tutto o in gran parte: ai colleghi imprenditori e ai lavoratori che si trovano in questa situazione va tutta la mia solidarietà".

"Ma quello che spesso non si dice è che anche il manifatturiero, il settore che con enorme fatica sta tenendo in piedi l'economia nazionale, senza vaccini rischia di perdere posizioni sui mercati. Già adesso, ma ancor più nell'immediato futuro, riprenderà l'attività commerciale, le fiere, le missioni all'estero; sarà indispensabile esserci, poter cogliere queste occasioni per - quantomeno - non perdere posizioni a beneficio di concorrenti esteri. Chi non è vaccinato non solo correrà più rischi, ma potrebbe essere addirittura escluso dalla partecipazione a eventi di questo tipo. Stesse considerazioni per le installazioni e manutenzioni di impianti, che coinvolgono personale tecnico specializzato, e in generale per tutti i tipi di trasferte che coinvolgono i lavoratori e gli stessi imprenditori".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Da inizio epidemia quasi 22mila persone residenti in provincia hanno contratto il virus. Il report non segnala nuove vittime nel Pistoiese
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Cronaca

CORONAVIRUS