QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISTOIA
Oggi 18°21° 
Domani 16°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
mercoledì 29 giugno 2016

Attualità mercoledì 24 febbraio 2016 ore 17:40

Le case della salute aprono le porte

Servizi territoriali al primo posto nelle priorità della Asl per il potenziamento e la riorganizzazione delle risposte al territorio

PISTOIA — Ci sono le nuove Case della Salute, i due acceleratori lineari, l'aumento dell’attività chirurgica e degli anestesisti per il parto tra le novità annunciate in occasione dell’assemblea della Società della Salute alla presenza del direttore generale dell’Azienda Usl Toscana Centro, Paolo Morello Marchese, del presidente e sindaco di Pistoia Samuele Bertinelli e degli amministratori locali.

Le linee guida sono meno ospedalizzazione, più cure a casa con un ulteriore sviluppo dei servizi territoriali.

Questi i dati del primo semestre del 2015: alla dimissione ospedaliera sono stati “presi in carico” dai servizi 610 pazienti di cui per 400 sono stati attivati percorsi sanitari, per 147 percorsi socio-sanitari e per 63 percorsi sociali. Dei 610 pazienti 155 avevano una patologia tumorale, 80 erano affetti da patologie cronico-degenerative, 50 soffrivano di scompenso cardiaco, 30 da disturbi di tipo cognitivo-comportamentale, 25 da insufficienza renale e altri 25 da malattie minori.

“I bisogni rilevati richiedono di potenziare ancora di più la “rete” delle prestazioni per garantire ai pazienti la continuità delle cure, il più possibile personalizzate, prima e dopo un ricovero ospedaliero, ha detto il direttore della Società della Salutre Daniele Mannelli, spiegando agli amministratori locali che le attuali Case della Salute ad Agliana, Montale, San Marcello e Pistoia dovranno essere sempre di più espressione dei bisogni delle comunità di riferimento.

Entro l’anno sarà anche aggiudicata la gara per l’inizio dei lavori della Casa della Salute di Quarrata, che dovrà diventare operativa nel 2017 e, in considerazione dell’accordo diprogramma sottoscritto con il Comune e la Regione, nel vecchio ospedale del Ceppo sorgerà la Casa della Salute della città di Pistoia.

E, sempre a Pistoia, nelle prossime settimane saranno attivati ulteriori 14 posti letto diCure Intermedie dedicati ai pazienti dimessi dall’ospedale.

Prosegue poi la progressiva implementazione delle aggregazioni funzionali territoriali, la Aft, con i medici di medicina generale impegnati nel modello organizzativo della sanità di iniziativa. Con questa nuova organizzazione i medici di famiglia sono ora pienamente coinvolti nei progetti aziendali in particolare nel modello assistenziale territoriale rivolto alle patologie croniche.

Per quanto riguarda invece l’ospedale San Jacopo si confermano le prospettive di miglioramento illustrate dal direttore del presidio Giacomo Corsini: aumento delle cure radioterapiche per i pazienti con patologia tumorale con il trasferimento dell’acceleratore lineare Varian dal vecchio ospedale del Ceppo al secondo bunker del nuovo ospedale con l’attivazione del macchinario entro i mesi estivi, aumento di sei posti letto in di degenza ordinaria nel dipartimento medico e incremento del livello qualitativo nell’ambito del percorso ostetrico.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca