QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISTOIA
Oggi 22° 
Domani 19° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pistoia, Cronaca, Sport, Notizie Locali pistoia
giovedì 19 ottobre 2017

Attualità venerdì 28 luglio 2017 ore 12:47

"Emergenze, mezzi e personale dirottati altrove"

Il sindacato degli infermieri Nursind all'attacco della riorganizzazione dei trasferimenti interospedalieri in ambulanza dell'Asl Toscana centro

FIRENZE — “Mezzi e personale per la gestione delle emergenze dirottati su altri servizi”. La denuncia arriva da Giampaolo Giannoni, coordinatore regionale Nursind, sindacato autonomo degli infermieri, che ha appena inviato una lettera all’assessore regionale alla salute Stefania Saccardi. 

“La procedura per i trasferimenti interospedalieri su mezzi su gomma emanata dal Dipartimento Emergenza dell’Asl Toscana Centro lo scorso 14 luglio – spiega Giannoni in una nota - contravviene alle indicazioni della Regione e mette a rischio la salute dei cittadini, distogliendo risorse destinate alle emergenze per espletare altri servizi”.

Giannoni spiega che, nel provvedimento del 14 Luglio firmato dal direttore del Dipartimento emergenza urgenza Simone Magazzini, si prevede l’utilizzo di mezzi e personale dedicati all’emergenza territoriale anche per i trasferimenti da ospedale a ospedale. 

“Questo in evidente contraddizione con quanto previsto dal protocollo regionale - scrive ancora il coordinatore regionale del Nursind - secondo il quale ‘ogni Centrale Operativa 118 deve individuare le risorse necessarie al trasporto interospedaliero da aggiungere alla dotazione prevista per l'emergenza territoriale, così da garantire tale attività senza distogliere le risorse per l’emergenza/urgenza territoriale".

"Questo concetto – prosegue il coordinatore Nursind Toscana – è ribadito anche dal DGRT n. 23/2009 nel quale si enuncia che i mezzi di soccorso ed il personale sanitario per i trasferimenti interospedalieri devono essere dedicati. Non solo: nella procedura operativa si fa riferimento all’utilizzo di personale sanitario della struttura ospedaliera nel caso in cui la centrale del 118 non riesca a reperire un mezzo con sanitari a bordo”.

“Non ci capacitiamo di come sia stato possibile prendere una decisione così irrazionale e pericolosa senza il coinvolgimento dei Dipartimenti specialistici ospedalieri e del Dipartimento infermieristico e Ostetrico, in un contesto come quello che stiamo vivendo, nel quale le risorse umane sono altamente limitate - conclude Giannoni -  Chiediamo il ritiro immediato della procedura e l’elaborazione di un modello operativo condiviso per tutta l’Azienda sanitaria Toscana Centro che preveda la quantificazione delle risorse necessarie dedicate a tale attività e le relative assunzioni”.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

pistoia

Cronaca

Attualità

Attualità